Mps, è pervenuta la richiesta danni da 3,8 miliardi della Fondazione

La banca, fa sapere, esprime opinioni critiche rispetto alle tesi sostenute

Fondazione Mps ha intentato nei confronti di banca MPS l’azione risarcitoria da 3,8 miliardi per gli aumenti di capitale 2008 e 2011 annunciata negli scorsi mesi e sollecitata anche dall’Amministrazione comunale. Emerge dalla nota di Mps relativa ai dati del secondo semestre. Dopo la lettura delle motivazioni della sentenza di primo grado del processo milanese a carico degli ex vertici Mps, Fondazione ha valutato la situazione procedendo con la richiesta danni.

“In data 31 luglio 2020 sono pervenute ulteriori richieste stragiudiziali per 3,8 mld di euro da parte della Fondazione MPS (“FMPS”). Tali richieste sono state valutate ai fini del bilancio consolidato  semestrale abbreviato. Tenendo conto anche di tali richieste il petitum delle richieste stragiudiziali sale a 4,8 mld di euro. Rispetto a tali iniziative, la Banca esprime opinioni critiche rispetto alle tesi sostenute. Gli argomenti a supporto di tale interpretazione verranno sviluppati compiutamente nella risposta che sarà inviata alla FMPS. La Banca si riserva ogni azione a tutela del proprio patrimonio in risposta all’iniziativa di FMPS”.