Nannizzi (Confesercenti) risponde a Rossi: “Compensi Regione e cig imprese, confronto inaccettabile”

Rossi fa un parallelo tra i compensi ai consiglieri regionali e la cassa integrazione erogata alle imprese. replica Nannizzi: "Un riferimento a nostro avviso inopportuno e irrispettoso per migliaia di imprese in forte difficoltà"

Il Presidente di Confesercenti Siena, Leonardo Nannizzi, in risposta al Governatore Rossi.

“Il Governatore della Toscana, Enrico Rossi, con un post sulla sua pagina Facebook è intervenuto oggi sulla questione dei compensi percepiti dai consiglieri regionali durante il lockdown, delineando un parallelo tra questi e la cassa integrazione erogata alle imprese. Un riferimento a nostro avviso inopportuno e irrispettoso per migliaia di imprese in forte difficoltà, molte delle quali rischiano la chiusura in questa fase di ripartenza, come descrivono anchei i dati pubblicati dall’irpet. Tali affermazioni tendono a confondere le acque su una vicenda censurabile come quella dei rimborsi percepiti dai consiglieri regionali, offendendo l’intero mondo imprenditoriale. È utile ricordare che la Cassa Integrazione viene erogata secondo schemi ben precisi e non correlati al volume di affari mensile, e che il dato riportato dalla stampa va saputo leggere: se ci sono comportamenti impropri questi vanno censurati e perseguiti ma non si posso gettare strali su un intero comparto che offre occupazione, ed è il motore pulsante della nostra regione. Piuttosto che postare sui social networks, Il Governatore si impegni a sostenere l’economia della nostra regione, al pari delle imprese”.