Oltraggio a pubblico ufficiale, in manette a Santo Spirito

Condannato 58enne, i carabinieri lo hanno fermato a Poggibonsi e portato in carcere non avendo l'uomo chiesto la detenzione domiciliare

Condannato per oltraggio a pubblico ufficiale, non chiede la misura domiciliare e finisce in carcere.

Oggi, a Poggibonsi, i carabinieri della locale aliquota radiomobile, nel corso di un controllo alla stazione ferroviaria, hanno dato esecuzione a un decreto di “sospensione di ordine per la carcerazione e ripristino dell’ordine medesimo” nei confronti di un pregiudicato napoletano di 58 anni,che non aveva chiesto la detenzione domiciliare e si trovava in Valdelsa per fare visita a dei parenti. Il provvedimento era emesso dal tribunale di sorveglianza di Firenze su istanza della Procura.

Dal controllo in banca dati risultava infatti che quell’uomo doveva scontare un anno e quattro mesi di reclusione per “oltraggio a pubblico ufficiale”, reato commesso nel 2014 a Firenze.