Pd, Vigni: “Attacco del M5s a Fiorenzani di una violenza immotivata”

“L’urlo e l’offesa nasconde l’assenza di proposte, risposte e soluzioni”

L’Unione Comunale Pd di Siena, attraverso il suo segretario Simone Vigni, ha risposto alle pesante accuse del M5s a Pierpaolo Fiorenzani:

“La cura della città e l’impegno per il bene della collettività non posso essere realizzati da chi si preoccupa essenzialmente di cavalcare la rabbia amplificandola e alimentandola con una visione apocalittica della realtà, distorta e strumentale. Il “gioco” esponenziale dell’urlo e dell’offesa ” contro”, mostra una forza solo apparente e rivela una totale assenza di proposte, risposte e soluzioni, un’incapacità di agire sul reale. Attaccare il PD e tutte le persone che si sono messe a disposizione negli anni per la collettività è l’unico elemento aggregante di movimenti sfascisti che nascondono la loro povertà di contenuti animando con il bercio e l’offesa. Chiunque si proponga per governare la città nei prossimi anni deve, invece, dimostrare di amare la città e di avere le risposte per migliorare la vita di tutti, con capacità, equilibrio e rispetto della dignità di ciascun cittadino. Gli attacchi diretti e irrispettosi, le immotivate considerazioni sulla persona, dirette a Pier Paolo Fiorenzani, offendono tutti i senesi, senza distinzione di appartenenza e storia politica.

Probabilmente gli strumenti utilizzati denotano il livello di chi li usa con l’ulteriore colpa di non comprendere anche fino in fondo la gravità di tali affermazioni, nella sostanza, ma ancora di più nel metodo. Esprimo tutta la solidarietà a Pier Paolo Fiorenzani per la violenza immotivata da è stato investito, come avrei fatto anche se le nostre storie di impegno politico non fossero allacciate in un percorso condiviso, rifuggendo e stigmatizzando comunque e sempre la degenerazione del dialogo e del confronto, foriera solo di violenze, istigate, auspicate”

Lusini Gas
Estra
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Europa Due
Siena Motori
Siena Bureau
Terre Cablate
Chianti Banca
Centro Farc