Picchia la fidanzata e vandalizza la stazione dei carabinieri: 29enne in carcere

Momenti di follia a Torrita di Siena: il giudice di sorveglianza ha inasprito la misura restrittiva imposta all'aggressore

Picchia la fidanzata, la insegue e vandalizza l’ingresso della stazione dei carabinieri di Torrita di Siena: il giudice di sorveglianza ha inasprito la misura restrittiva imposta a un 29enne che nei giorni scorsi a Torrita di Siena aveva dato in escandescenze. Il giudice inizialmente aveva disposto l’allontanamento dalla casa familiare e dai luoghi frequentati dalla persona offesa, adesso ha optato per la custodia cautelare in carcere.

L’uomo, al culmine di una lite con la fidanzata avvenuta nella sua auto, ha colpito la donna con un violento pugno al volto. La vittima, terrorizzata, si è rifugiata nella vicina stazione dei Carabinieri, riuscendo a entrare di corsa nel comando, con l’aggressore che la stava rincorrendo a piedi.

A quel punto G. L., volendo entrare a tutti i costi nella stazione, si scatenava prendendo a calci l’ingresso pedonale del comando, la cassetta della posta in ceramica e il videocitofono che consente l’accesso in Caserma e permette ai cittadini, negli orari di chiusura degli uffici, di ricevere immediata risposta telefonica dal 112.

I militari presenti nella Stazione, per agire in condizioni di sicurezza, hanno fatto intervenire il personale dei vicini comandi e con questo sono riusciti a bloccare l’uomo, che in quel frangente ha minacciato e insultato gravemente alcuni militari. Portato in caserma, G. L. è stato arrestato, mentre alla donna sono state prestate le cure mediche del caso. Della furia dell’uomo rimanevano evidenti tracce, poiché il cancello d’accesso alla Caserma risultava evidentemente danneggiato, il videocitofono e la cassetta della posta della Stazione andavano completamente distrutti.