Più vitamine e minerali nell’alimentazione dei professionisti nell’area Covid delle Scotte

Variazioni nel menù della mensa per gli operatori impegnati nell'area Covid. Frutta e acqua in più per migliorare l'idratazione

Massima attenzione per la salute dei professionisti del policlinico Santa Maria alle Scotte, partendo dall’alimentazione. A causa dell’aumento delle temperature e per potenziare l’idratazione, soprattutto per gli operatori impegnati in area Covid, che devono indossare particolari dispositivi di protezione individuale durante tutto il turno e sono quindi sottoposti a maggior disidratazione, l’Aou Senese, prima in Toscana, ha potenziato l’apporto di vitamine e sali minerali forniti con il pasto della mensa aziendale.

A tutti i dipendenti che si recano a mensa verrà fornito un ulteriore frutto oltre a quello già a disposizione e, aggiuntivamente, una bottiglietta d’acqua da mezzo litro ogni giorno. È quanto prevede un’ordinanza dalla direzione dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese per contribuire a mantenere una buona idratazione corporea. Inoltre, la UOSA Dietetica e Nutrizione clinica ha predisposto anche una serie di consigli utili per l’alimentazione, consigliando menù specifici per i professionisti dell’area Covid.

«La salute passa anche dalla tavola – spiega il direttore generale, Valtere Giovannini –. Abbiamo un ottimo servizio di Dietetica e Nutrizione clinica che svolge un ruolo molto importante per i pazienti e, quindi, abbiamo riservato la stessa attenzione anche per i nostri professionisti, grazie anche al supporto della CAMST, la ditta che si occupa della ristorazione e, in particolare, di tutto il personale della cucina che ringrazio anche per l’impegno profuso in questo periodo di emergenza e per aver prontamente risposto a tutte le variazioni organizzative richieste, anche relative alla sicurezza e all’igiene della mensa».

Errebian
All Clean Sanex
Electronic Flare
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Europa Due