Poggibonsi, torna il “Pedibus”: lavori in corso per la ripartenza

Comune e scuole attive per il progetto di "autobus senza ruote". Gambassi: “Un servizio educativo e divertente, molto apprezzato da chi lo ha già sperimentato. Resta fondamentale il coinvolgimento delle famiglie a cui chiediamo di partecipare”

Poggibonsi, lavori in corso per la ripartenza del “Pedibus”, servizio di ‘autobus senza ruote’ che accompagna bambini e bambine a scuola. All’inizio di maggio è partita la prima linea ‘apripista’ verso la scuola elementare Calamandrei e in queste settimane, in vista del prossimo anno scolastico, è stato riattivato il percorso per informare, sollecitare e raccogliere adesioni. La linea Calamandrei riprenderà ed è in corso il lavoro per attivare una nuova linea in virtù delle adesioni che ci sono state. “Tutto il materiale informativo è stato inviato alle scuole del territorio – dice l’assessore alla mobilità Roberto Gambassi – La sperimentazione attuata ha riscosso successo tra i bambini ed i genitori che hanno aderito ed è stata utile anche per chiarire e superare alcune perplessità, anche legate all’organizzazione”. Organizzazione che è risultata semplice: ogni settimana viene costruito un calendario in base alle disponibilità raccolte dagli accompagnatori ed alla presenza o meno dei bambini. Il calendario è gestito attraverso canali social od altre modalità che consentano di comunicare al gruppo  le proprie disponibilità  o eventuali assenze dovute ad eventi imprevisti.

“Ringraziamo le scuole, i volontari dei Rioni e i genitori per aver contribuito all’attivazione del servizio –  dice Gambassi – E’ importante adesso continuare a raccogliere adesioni perché la possibilità di mantenere e di implementare il servizio è legata alla partecipazione dei bambini e quindi dei loro genitori, sia come fruitori che come accompagnatori”. “Parliamo di un progetto dall’alto valore educativo – dice Gambassi – che consente ai bambini e alle bambine di socializzare e di sentirsi autonomi e responsabili. Parliamo anche di un importante progetto di comunità che consente di sostenere e promuovere forme di mobilità che fanno bene alle persone e all’ambiente. Un processo di sensibilizzazione che parte dai bambini per contribuire a quegli obiettivi di miglioramento della qualità della vita che sono responsabilità di tutti. Un servizio educativo, divertente e qualificante per tutta la città che ha bisogno del coinvolgimento delle famiglie a cui chiediamo di aderire”.

Il progetto “Pedibus” è stato elaborato dai responsabili della Polizia Municipale in collaborazione con i referenti scolastici nell’ambito del progetto “Mosaico Siena – Mobilità Sostenibile nell’Area integrata dei Comuni della Provincia di Siena”, coordinato da Terre di Siena Lab. Sono definiti i percorsi e l’organizzazione di tutti gli aspetti del progetto. Come già accaduto dal maggio scorso, i bambini e le bambine iscritti, muniti di pettorina, percorrono insieme agli accompagnatori il tragitto tra il capolinea e la loro scuola, costellato di apposita segnaletica alle fermate. Gli accompagnatori sono due per ogni linea, uno che apre e uno che chiude, per motivi di sicurezza e anche per monitorare il rispetto delle regole.  Tutto il materiale (volantino informativo, norme di comportamento, mappa del “Pedibus”, modulo di adesione per gli accompagnatori e modulo di adesione per i genitori che intendono iscrivere i bambini) è a disposizione delle scuole e dei genitori.