Progetto “City Card”, il sindaco De Mossi: “Facciamo i turisti in casa nostra”

Il sindaco spiega l'iniziativa: "Ogni momento di crisi è un'opportunità, abbiamo la possibilità di essere turisti in casa nostra, riattivando il circuito culturale e visitando le nostre bellezze"

Fare da “turisti” in casa propria per aiutare l’iniziale fase di rilancio e sostenere gli operatori e gli esercenti duramente colpiti dalla crisi: è l’obiettivo che si pone il progetto della “city card” per le “staycation”, approvato dalla Giunta De Mossi per favorire la ripresa turistica post crisi coronavirus (LEGGI QUI). A spiegare il senso dell’iniziativa è lo stesso sindaco:

“Come primo sforzo in vista della ripartenza – ha detto – chiediamo ai cittadini di fare i turisti in casa propria, creando una interazione tra loro, i musei, le attività e le nostre bellezze, viste le difficoltà di spostamento e le restrizioni che ci attanagliano. Siamo permeati dalla bellezza e spesso non ne approfittiamo: ogni momento di crisi è un’opportunità, abbiamo la possibilità di essere turisti in casa nostra, riattivando il circuito culturale e visitando le nostre bellezze. Si può creare una filiera con i comuni vicini che fanno parte delle iniziative di cui siamo capofila, come Via Francigena, la Via Lauretana e Terre di Siena Slow sul cicloturismo”.