Rilevatore rosso semaforico anche tra gli incroci Don Minzoni-Montluc o Don Minzoni-viale Mazzini

Dopo strada di Pescaia, il Comune pensa di implementare il sistema di controllo ad altri due snodi viari molto delicati

Il sistema di controllo del rosso semaforico non si fermerà all’incrocio tra strada di Pescaia e via Cesare Battisti: Comune e Polizia Municipale, visti i risultati ottenuti dal deterrente in termini di riduzione degli incidenti, intendono implementare il meccanismo di rilevamento che serve a dissuadere con la prospettiva di multe salate i comportamenti pericolosi, accertando istantaneamente le auto che varcano la linea di arresto col rosso.

Sono due gli incroci “sensibili” papabili per l’inserimento del controllo del rosso semaforico: l’intersezione tra viale Don Minzoni e via Biagio di Montluc, dove è sito il semaforo di Porta Camollia, o quella tra Viale Mazzini e viale Don Minzoni, alle Lupe.  Due incroci sempre particolarmente complessi e trafficati, dove non mancano mai le insidie. Il Comune sceglierà per adesso una delle due opzioni, con un costo preventivato vicino ai 50mila euro.

Il rilevatore non azzererà certo il numero degli incidenti ma convincerà i guidatori a prestare maggiore attenzione: per chi non rispetta il rosso scatta infatti una sanzione di 167 euro (ridotta a 116,90 se pagata entro 5 giorni), oltre alla decurtazione di 6 punti dalla patente.

Claudio Coli

Errebian
Electronic Flare
All Clean Sanex
Estra
Terre Cablate
Centro Farc
Siena Bureau
Europa Due