Sbarco sulla Luna: quella magica notte anche a Siena

Molti gli eventi in programma in tutto il mondo e anche nel territorio senese

“Un piccolo passo per un uomo, ma un grande balzo per l’umanità». Il piccolo passo era quello dell’astronauta Neil Armstrong: dalla navicella spaziale Apollo 11, per toccare il suolo lunare. Era il 20 luglio 1969, era la prima volta dell’uomo sulla luna. Anche a Siena quella notte tra il 20 e 21 luglio 1969 tutti rimasero incollati alla Tv per vedere, come 20 milioni di italiani, lo sbarco dell’uomo sulla Luna.  Cinquant’anni fa, inoltre, Siena celebrò quel momento che cambiò la storia con un Palio Straordinario, corso il 21 settembre,  vinto dalla Contrada dell’Oca, con il fantino Aceto sul cavallo Dragone.

Oggi, sono molti gli eventi in programma in tutto il mondo e anche nel territorio senese. L’azienda vinicola Vallepicciola a Castelnuovo Berardenga, ad esempio, domani 20 luglio ospiterà alle 21.30 nei suoi spazi all’aperto, grazie alla collaborazione con il Chianti Festival 2019 e con il direttore Matteo Marsan, “Quanto è distante la luna?”, spettacolo teatrale con la regia di Daniela Morozzi, liberamente ispirato al racconto di Italo Calvino “La distanza dalla luna”. Mentre a Casole d’Elsa, ieri un o spettacolo omaggio a quel 20 luglio 1969 con Guarda che luna!, sotto la direzione e la regia di Giovanni Guidelli. «È il 20 luglio 1969, cinquanta anni fa precisi – spiega Guidelli – un paesino della Toscana, un paesino proprio come questo, si scalda nell’attesa per la diretta televisiva dell’allunaggio, carica di sogni ed emozioni. In tutto questo due schieramenti contrapposti, americani e russi, come Peppone e Don Camillo. Un quadro su un’Italia verace, genuina, su una comunità unita, e su un modo di vivere che è proprio dei toscani: irriverente e scanzonato. Guarda che luna! è un omaggio all’Italia di fine anni Sessanta, quell’Italia unita davanti alla TV per assistere all’evento che segnerà il futuro di più di una generazione: l’uomo sulla Luna!».

A Siena si dovrà attendere il brindisi al chiaro di luna con Calici di Stelle, l’evento dal 2 al 11 agosto, promosso dal Movimento Turismo del Vino Toscana nelle aziende socie sparse per tutta la regione. «Sarà un’edizione speciale questa dedicata a una parte del cielo che quest’anno viene celebrata, la Luna – spiega il presidente del Movimento Turismo del Vino Toscana, Violante Gardini – la nostra riflessione è stata quella di pensare a come in questi anni sia radicalmente cambiato il mondo del vino, dalle tecniche di produzione, fino al consumo: cinquant’anni fa non si poteva nemmeno immaginare un turismo del vino, oggi le cantine vengono progettate a partire proprio dal concetto di ospitalità, sarà quindi un momento per festeggiare il primo passo sulla luna, ma anche i tanti passi fatti in cantina dagli appassionati».

Si. Sa
Errebian
Estra
All Clean Sanex
Electronic Flare
Centro Farc
Terre Cablate
Siena Bureau
Europa Due