Si prostituisce per mantenere i figli, Tribunale condanna il compagno

L'uomo è stato condannato a 1 anno e 6 mesi per sfruttamento della prostituzione e induzione

In preda alla disperazione per una situazione economica difficile, una donna residente a Vico Alto fino al 2014 aveva deciso di prostituirsi in casa, così da poter mantenere i figli, all’insaputa del compagno: il Tribunale di Siena ha però condannato l’uomo per sfruttamento della prostituzione e induzione, sostenendo che lui fosse in realtà a conoscenza dell’attività della donna e favorevole.

L’uomo, difeso dall’avvocato Duccio Panti, è stato condannato a 1 anno e 6 mesi, pena sospesa. Non è bastato alla difesa dell’imputato richiamare una sentenza della Corte Costituzionale che stabilisce che in caso di scelta volontaria nel volersi prostituire, le accuse di sfruttamento possono decadere.

C.C

Estra
Lusini Gas
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca