Siena: dipendenti appalto prenotazione libera professione, pacchetto da 18 ore di sciopero

Le lavoratrici sono in stato di agitazione da alcuni giorni per problemi relativi al cambio appalto programmato entro il 15 di giugno. Mazza (Fisascat Cisl Siena): "Ad oggi né Regione Toscana né CNS, il Consorzio che dovrebbe subentrare nella gestione dell'appalto, hanno dato disponibilità ad un incontro che affronti il problema della garanzia dei livelli occupazionali e contrattuali"

Proclamazione di un pacchetto di 18 ore di sciopero da gestire nelle prossime settimane, proseguire il percorso per garantire le necessarie tutele nel futuro cambio appalto oltre che con tutte le iniziative necessarie a ottenere attenzione dalla Regione Toscana e dal Consorzio CNS. E’ quanto emerso al termine dell’assemblea delle 15 dipendenti dell’appalto della libera professione di Siena e provincia che si è svolta venerdì pomeriggio. A presiedere l’assemblea Gianfranco Mazza di Fisascat Cisl di Siena.

Le lavoratrici sono in stato di agitazione da alcuni giorni per problemi relativi al cambio appalto programmato entro il 15 di giugno. “Appalto in cui lavorano da oltre 14 anni garantendo un servizio efficiente e senza lamentele – sottolinea Gianfranco Mazza della Fisascat Cisl di Siena – Le lavoratrici, preoccupate per il loro futuro, hanno espresso il loro disagio per le mancate risposte da parte della Regione Toscana e da CNS, il Consorzio che dovrebbe subentrare nella gestione dell’appalto e quindi assumere i dipendenti attualmente in servizio. Purtroppo ad oggi nonostante i solleciti inviati da Fisascat Cisl nessuno ha dato disponibilità ad un incontro che affronti il problema della garanzia dei livelli occupazionali e contrattuali”.

All’assemblea ha partecipato l’assessore alla sanità del Comune di Siena Francesca Appolloni, che, oltre a dare la propria solidarietà alle lavoratrici, si è impegnata a farsi carico dell’istanza e a dar loro voce nelle istituzioni a sostegno dei loro diritti.