Siena: modifiche al regolamento per la gestione del servizio di bike sharing

Il Consiglio comunale approva le integrazioni. Ad oggi il servizio conta 18 ciclostazioni, con un totale di 158 colonnine cicloposteggio

L’assemblea consiliare di Siena, nella seduta di oggi, ha approvato, all’unanimità, alcune modifiche e integrazioni al Regolamento comunale per la gestione del servizio di bike sharing, che, dall’attivazione ad oggi, nell’ottica di un aumento dell’offerta e maggiore diffusione nel territorio, ha visto la realizzazione di nuove ciclostazioni e l’ampliamento di quelle esistenti, portandole a 18, con un totale di 158 colonnine cicloposteggio. Come ha illustrato il vice sindaco Andrea Corsi “le variazioni introdotte sono finalizzate a offrire uno strumento di mobilità sostenibile per tragitti di prossimità, nella logica dell’intermodalità e in affiancamento alle altre tipologie di trasporto pubblico, intendendo l’uso della bicicletta condivisa come mezzo per spostamenti tra le ciclostazioni e per il tempo strettamente necessario al tragitto consentendo, così, la massima condivisione tra gli utenti”.

Le modifiche riguardano: l’inserimento di un nuovo articolo che descrive compiutamente le finalità del servizio; la modifica di quello contenente gli obblighi per l’utente con l’inserimento del divieto di utilizzo della bici quale strumento di lavoro per attività continuativa di consegna merci o assimilabile; la previsione, a seguito di specifiche convenzioni, di intermodalità con i servizi di bike sharing di altri Comuni; la riduzione a 4 ore del tempo massimo di utilizzo; l’adeguamento della disciplina sanzionatoria e la facoltà di blocco della tessera elettronica in caso di violazioni alle norme regolamentari.