Test sierologici al via sui professionisti dell’ospedale le Scotte

Mille test saranno donati anche dal Comune di Siena. Il direttore generale Giovannini: "Un ulteriore passo in avanti per mettere in sicurezza l’ospedale, tutti i professionisti che vi lavorano, le loro famiglie e, quindi, tutta la comunità senese"

Al via i test sierologici di screening per il Covid-19 per i professionisti del policlinico Santa Maria alle Scotte. Come anticipato dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi qualche giorno fa, i test sono arrivati e sono disponibili per l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese.

“È un ulteriore passo in avanti – spiega Valtere Giovannini, direttore generale – per mettere in sicurezza l’ospedale, tutti i professionisti che vi lavorano, le loro famiglie e, quindi, tutta la comunità senese. Ringrazio anche il sindaco di Siena Luigi De Mossi che ci donerà altri 1000 test”. I test verranno analizzati dalla UOC Microbiologia e Virologia, diretta dalla professoressa Maria Grazia Cusi, mentre l’organizzazione dello screening è affidata all’UOSA Medicina Preventiva e Sorveglianza Sanitaria, diretta dalla dottoressa Simonetta Fabrizi, in collaborazione con i coordinatori infermieristici. Si tratta di un kit che permette di ottenere una risposta rapida in pochi minuti. La risposta diagnostica indica due dati importanti: eventuali anticorpi che segnalano la presenza dell’infezione o anticorpi che indicano che l’infezione c’è già stata e il sistema immunitario si è già attivato.

“I test verranno effettuati secondo il protocollo regionale – spiega la dottoressa Fabrizi, – a partire dagli operatori sanitari a più alto rischio di esposizione, secondo linee operative condivise. Conclusa la prima fase, utile anche alla messa a punto di protocolli e percorsi dedicati, si procederà, secondo un modello a cerchi concentrici di stratificazione del rischio, ad estendere il test progressivamente a tutti gli operatori impegnati nell’attività assistenziale». Al test saranno sottoposti anche i 300 professionisti entrati in contatto con i 3 casi positivi registrati tra il personale la scorsa settimana, che proprio in questi giorni ripeteranno il tampone ed effettueranno successivamente il test sierologico. Saranno sottoposti al test sierologico anche i neo assunti, prima di entrare in servizio. «Si tratta di test rapidi che consentono la ricerca della risposta anticorpale nei confronti del virus – conclude la professoressa Maria Grazia Cusi – in alcuni casi tale metodica sarà associata alla ricerca diretta del virus con il tampone tradizionale mediante l’ausilio della biologia molecolare”.

Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau