Torture a Ranza, in arrivo le richieste di rinvio a giudizio

Presunta violenza al carcere sui detenuti, pronte le richieste di rinvio a giudizio per 6 dei 15 operatori di Polizia Penitenziaria

Sono in arrivo le richieste di rinvio a giudizio per 6 dei 16 soggetti – 15 poliziotti penitenziari e un medico, tutti tra i 26 e i 55 anni – indagati per il caso delle presunte violenze e torture, risalenti all’ottobre 2018, a danno di un detenuto 31enne tunisino al carcere di Ranza, a San Gimignano. Un fatto dalla grande risonanza mediatica, che portò anche il leader della Lega Matteo Salvini a visitare la casa circondariale per esprimere la sua solidarietà nei confronti degli agenti. Le indagini della Procura di Siena, condotte dalla pm Valentina Magnini, si sono chiuse a fine dicembre: gli avvocati difensori, che hanno e ottenuto nelle scorse settimane l’interrogatorio dinanzi al pubblico ministero per due dei sei poliziotti, attendono, entro massimo la prossima settimana le richieste di rinvio a giudizio, mentre per gli altri sono ancora pendenti approfondimenti e ulteriori indagini. Intanto quattro agenti, inizialmente sospesi, sono rientrati in servizio. Sono molteplici e a vario titolo le contestazioni mosse, che vanno dal reato di tortura, lesioni, falso ideologico, minacce fino all’abuso di potere.

C.C

Lusini Gas
Estra
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Siena Motori
Europa Due
Terre Cablate
Siena Bureau
Golmar Igiene professionale
Centro Farc
Chianti Banca