Votata all’unanimità in Consiglio la mozione per sollecitare la messa in sicurezza dell’Autopalio

Presentata da Cerretani (In Campo), Masi (Pd) e Griccioli (Per Siena), è stata emendata dalla maggioranza

E’ passata, all’unanimità, la mozione, presentata oggi in Consiglio comunale, da Claudio Cerretani (In Campo), Alessandro Masi (PD) e Vanni Griccioli (Per Siena), tesa a sollecitare la messa in sicurezza e l’adeguamento del raccordo autostradale Siena-Firenze.

Cerretani ha ricordato che l’Autopalio è stata progettata e realizzata negli anni ’60-’70, che costituisce un’importante arteria di collegamento tra Siena e Firenze, ma anche un insostituibile raccordo fra i numerosi centri produttivi ed urbani nei Comuni di Monteriggioni, Colle Val d’Elsa, Poggibonsi, Barberino-Tavarnelle, S. Casciano Val di Pesa e Impruneta, percorsa giornalmente da circa 25mila veicoli che sottopongono il tracciato a sollecitazioni superiori a quelle previste dal progetto. Il consigliere ha anche ripercorso tutti i vari passaggi intercorsi con ANAS per il non completamento dei lavori annunciati o iniziati e non finiti, che si traducono in restringimenti di carreggiata, rallentamenti dei flussi e rischio incidenti. Evidenziando “la pericolosità della situazione”, ha invitato il sindaco e la giunta a “sollecitare ANAS e il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti alla ripresa urgente dei lavori; alla formulazione di  un cronoprogramma, con relativo piano dei finanziamenti al fine di raggiungere a breve i più elevati standard di sicurezza e affidabilità; a ricevere periodiche informazioni aggiornate su tempi e fasi di realizzazione degli interventi”.

L’atto è stato approvato con un emendamento, votato all’unanimità, a firma di: Lorenzo Lorè (Forza Italia) Maria Concetta Raponi e Orazio Peluso (Forza Italia), Federico Minghi  e Tommaso Bartalini (Voltiamo Pagina), Alessandra Bagnoli, Bernardo Maggiorelli e Maurizio Forzoni (Fratelli d’Italia), Eleonora Raito, Francesco Mastromartino, Paolo Salvini, Davide Dore e Fulvia Nardi (Lega) Davide Ciacci, Laura Sabatini, Anna Masignani, Fabio Massimo Castellani, Barbara Magi e Andrea Piazzesi (Gruppo Misto), Pietro Staderini (Sena Civitas) per eliminare dal testo della mozione, come ha illustrato Lorè, la richiesta “di istituire uno specifico tavolo di confronto con oltre al Ministero e Anas, la Regione Toscana, la Città metropolitana di Firenze, Provincia di Siena e Firenze, il Comune di Siena, e i Comuni dell’area senese e fiorentina interessati”, perché come ha evidenziato il consigliere “preferiamo, per evitare perdite di tempo, che il sindaco e la giunta si concentrino a sollecitare Anas e Ministero a sbloccare la situazione”.

Errebian
All Clean Sanex
Electronic Flare
Estra
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau