Home Sport Siena Warriors 2018: poker di vittorie per i pugili della Boxe Siena Mens Sana
0

Siena Warriors 2018: poker di vittorie per i pugili della Boxe Siena Mens Sana

0
0

La Boxe Siena si impone 4-3 nella kermesse pugilistica di sabato 12 maggio presso il PalaGiannelli, organizzata da Mens Sana e Gold Gym

Buone notizie arrivano dal movimento pugilistico senese: gli atleti della Mens Sana sono pronti e sembrano anche particolarmente agguerriti. Sette incontri avvincenti e spettacolari quelli di sabato scorso, 12 maggio, presso il PalaGiannelli, in cui tutti gli atleti della Boxe Siena Mens Sana, aldilà del risultato, hanno saputo incarnare alla perfezione i valori ispiranti il Siena Warriors 2018, la manifestazione organizzata da Mens Sana e Gold Gym: abilità, coraggio e spirito guerriero. La serata ha visto impegnati i ragazzi del Maestro David Borgogni contro una rappresentativa di pugili provenienti dalla Toscana e dalla Puglia. Ne è uscito fuori un appassionante spettacolo sportivo in cui i giovanissimi atleti senesi sono riusciti ad imporsi per 4-3 al termine di combattimenti emozionanti, tirati, molto impegnativi dal punto di vista tecnico ed agonistico.

Gli incontri. Il “Boxing Day” è partito subito col botto con l’esordio di Matteo Bertagnini (Cat. Youth 64 Kg.). Matteo ha iniziato aggressivo e determinato con fiaccanti serie di diretti e ganci destri. Nella seconda ripresa sembra aver finito la benzina, soffrendo molto il ritorno dell’avversario Lelli della Pugilista Sanseverino, tanto che viene contato due volte. In una situazione di difficoltà e stanchezza Bertagnini tira fuori una terza ripresa commovente. Cerca ed arriva al bersaglio grosso, facendo contare il rivale per due volte, addirittura nello stesso round. Nella sua bella vittoria all’esordio il crisma di un dono innato, che la Boxe come pochi altri sport sanno tirare fuori: il carattere. Dopo è stato il turno di Sara Bramerini (Cat. Schoolgirl 48 Kg.) appena reduce da una settimana di ritiro con la Squadra Nazionale. L’avversaria Maria Grazia Lambo della Pugilista Andriese è stata tosta, pesante nei colpi e molto aggressiva. Dopo una ripresa ad appannaggio della pugliese, Sara ha cominciato a prendere le misure e a fare la sua boxe elegante e lineare, trovando a più riprese il volto dell’avversaria in un secondo round molto equilibrato. Nel terzo la Bramerini ha pizzicato continuamente di rimessa le continue avanzate della Lambo. I giudici hanno tirato fuori un verdetto di sconfitta ai punti molto discutibile ai danni della giovane senese, che non sembra rendere onore a quanto da lei offerto sul ring.

Nel match successivo Alessio Montesi ha avuto vita dura contro il valido Barile della Pug. Barile, molto più alto, esperto e robusto. Alessio è stato condizionato da un fastidioso infortunio – purtroppo recidivo alla mano destra – che lo ha costretto a ritirarsi alla seconda ripresa. Spettacolo puro nel quarto match: Marco Orlandini (Cat. Senior 60 Kg.) ha centrato la sua terza vittoria consecutiva, e lo ha fatto a modo suo, con rabbia, tecnica e velocità. Il primo round è stato a netto appannaggio di Christian Vela della Pug. Pratese, che lo ha sempre anticiparlo. Nella seconda la trasformazione, sono arrivai gli occhi del guerriero, ed è partito tutto un altro match fatto di serie a due mani, uscite e rientri, ganci in avanzamento che hanno crivellato – insieme al corpo – tutte le certezze che il rivale sembrava essersi costruito, costringendo l’arbitro a fermare l’incontro prima del limite.  Standing Ovation.

Dopo è stata la volta di Frenkli Gorenca (Cat. Youth 64 Kg.), che ha confermato l’ottima impressione offerta durante il Boxing Day dell’Aprile scorso. Frenkli ha vinto e convinto riguardo agli enormi progressi espressi nella condotta di gara, nella tecnica e nella preparazione fisica. Il suo perfido mancino ha demolito Gjepali Endriu della Pug. Montecatini che non è mai riuscito a prendergli le misure. Il sesto match è stato uno tra i più spettacolari dal punto di vista tecnico. Lorenzo Garcia (Cat. Senior 64 Kg.) se l’è dovuta vedere contro Rezgui Bechir della Pug. Montecatini, pugile di origine tunisine, forte fisicamente, veloce, aggressivo. Garcia ha dato letteralmente spettacolo nel corso di tutte e tre le riprese. Sempre mobile nelle gambe, abile nei movimenti di tronco, veloce nelle combinazioni, sempre insidioso con il gancio destro. Durante il secondo round è stato fatto oggetto di un richiamo ufficiale che gli è costato un punto di penalità. Il richiamo, che sembrava non dovesse incidere nel computo dei cartellini, si è rivelato invece – a margine di un verdetto inconcepibile – purtroppo decisivo ai fini del risultato. Onore comunque alla ottima prestazione di Lorenzo. Sul 3-3, il punto decisivo per portare a casa la vittoria generale della manifestazione lo doveva segnare Niccolò Nocciolini (Cat. Youth 60 Kg.). Reduce dalla bellissima prova del mese scorso, Niccolò è sceso sul quadrato convinto e concentrato. L’avversario – Pasquale Barile della Pug. Barile – è stato fastidioso, veloce ma spesso scorretto. Niccolò non si è scomposto. Nella prima ripresa ha mostrato alcune sue micidiali doti difensive, mandando regolarmente fuori misura l’avversario, innervosendolo. Alla seconda, quando ha deciso di attaccare, lo ha fatto in una maniera esplosiva, una frustata di diretto destro al volto di un Barile che è sembrato addirittura barcollare. Da lì in poi è stato n sontuoso campionario di colpi, tutti al bersaglio: diritti in avanzamento, montanti di prima intenzione, ganci in uscita. Una grande prova per Nocciolini che continua a stupire per i sempre più evidenti progressi dal punto di vista tecnico, tattico e mentale.

Gli altri. Gli altri tre incontri in programma hanno visto la vittoria di Lorusso (Boxe Palumbo) opposto a Voltarelli (Csc Firenze) Categ. Schoolboys 56 Kg., mentre Dell’Olio (Pug. Andriese) ha avuto la meglio su Del Biondo (Csc Firenze) Categ. Youth. Bella e netta vittoria invece del giovane Martelli Joshua (Junior kg. 64) del Csc Firenze ai danni di De Fato della Pug. Andriese.