Accademia Chigiana, presentata la 99ª stagione di Micat in Vertice

15 i concerti che compongono il cartellone della Micat In vertice 2021-2022 che si svolgeranno a Siena dal 22 novembre fino al 7 maggio

L’Accademia Chigiana presenta “Micat In Vertice 2021-2022”, la storica Stagione di Concerti giunta alla 99ª edizione. Un’edizione doppiamente speciale: alla vigilia degli attesissimi festeggiamenti per il centenario, in programma per il prossimo anno, la stagione 2021/2022 si caratterizzata quale vera e propria edizione dell’auspicata ripresa dei concerti invernali in presenza dopo il lungo lockdown che ne ha impedito il regolare svolgimento lungo le due stagioni precedenti.

15 i concerti che compongono il cartellone della Micat In vertice 2021-2022 che si svolgeranno a Siena dal 22 novembre fino al 7 maggio. Grazie alla preziosa collaborazione e al sostegno del Comune di Siena, i concerti si terranno in gran parte presso il Teatro dei Rozzi e il Teatro dei Rinnovati. Un ricco parterre di straordinari solisti, grandi orchestre, giovani talenti e proposte innovative darà vita a una stagione all’insegna delle più ottimistiche aspettative per una graduale ma sempre più definita uscita dall’emergenza sanitaria.

«La 99ª stagione della storica “Micat In Vertice” – afferma il Presidente dell’Accademia Chigiana, Carlo Rossi – si impone quale imprescindibile punto di riferimento nel panorama musicale italiano e internazionale. Non solo per le sue radici profonde, che il prossimo anno festeggeranno 100 anni di storia, ma per l’alto livello della propria proposta musicale. Una stagione che, dopo le limitazioni e i sacrifici che hanno caratterizzato la stagione passata, segna il rilancio delle attività invernali in presenza e rinnova la fiducia e la speranza per un autentico ritorno a una completa normalità. La grande capacità dimostrata dall’Accademia Chigiana nei mesi di normative stringenti, il successo, pieno e gratificante, della da poco trascorsa edizione 2021 del Chigiana International Festival & Summer Academy, e un cartellone ricco di appuntamenti e interpreti di altissimo livello, testimoniano, ancora una volta, la capacità dell’Istituzione chigiana di coniugare in una perfetta alchimia e in modo sempre innovativo il meglio della propria tradizione e lo sguardo sempre aperto e originale verso il futuro».

Il concerto d’inaugurazione della Stagione 2021-2022, in programma al Teatro dei Rinnovati di Siena, come da tradizione il 22 novembre, ricorrenza di Santa Cecilia, sarà affidato all’Orchestra Filarmonica “Arturo Toscanini” di Parma, tra le più prestigiose orchestre italiane e tra le più affermate nel panorama internazionale. La serata proporrà un concerto interamente dedicato alla musica di Ludwig van Beethoven (1770-1827), di cui lo scorso anno si sono celebrati i 250 anni dalla nascita, festeggiamenti che anche l’Accademia Chigiana ha voluto protrarre lungo tutto il 2021, alla luce delle tante limitazioni vissute lo scorso anno a causa della pandemia. Il concerto sarà diretto da Luciano Acocella, docente del corso ordinario di alto perfezionamento di Direzione d’Orchestra dell’Accademia Chigiana tenuto e coordinato da Daniele Gatti. In programma due capolavori beethoveniani: la Sinfonia n. 4 in Si bemolle maggiore op. 60 e, nella prima parte, il Concerto Triplo, affidato all’esecuzione di tre giovani talenti allievi dell’Accademia Chigiana e dell’Accademia Internazionale “Incontri con il Maestro” di Imola: Leonora Armellini, finalista al prestigioso Concorso Pianistico Internazionale “Chopin” di Varsavia, insieme a Gennaro Cardaropoli, violino ed Erica Piccotti, violoncello.

«Il concerto inaugurale della 99ª Micat in Vertice, una delle stagioni di concerti più antiche d’Italia – dichiara Nicola Sani, Direttore Artistico dell’Accademia Chigiana – con una grande e celebre compagine sinfonica come la Filarmonica Arturo Toscanini, per la prima volta ospite dei concerti dell’Accademia, rappresenta un segno di grande entusiasmo e fiducia nel ritorno a una dimensione di normalità nella vita di tutti noi e nella possibilità di tornare a vivere in pieno la dimensione sociale dell’ascolto e della partecipazione agli eventi musicali. Sono molto riconoscente nei confronti del Sovrintendente e direttore artistico della Fondazione Toscanini di Parma Alberto Triola per avere reso possibile questo magnifico e significativo evento! Il concerto d’inaugurazione vuole anche sottolineare lo sforzo della Chigiana per il sostegno ai giovani talenti e al loro avvio alla carriera nel campo della musica e dello spettacolo, nonché il collegamento di tutte le manifestazioni dell’Accademia con le attività dei corsi estivi di alto perfezionamento e il Chigiana International Festival, autentico laboratorio di produzione, innovazione e creatività».

«Grazie alla collaborazione con il Comune di Siena – sottolinea Nicola Sani – la maggior parte dei concerti della Stagione si terrà quest’anno nei due principali teatri della città, il Teatro dei Rinnovati e il Teatro dei Rozzi. Dopo il grande concerto in Piazza del Campo di quest’estate, la collaborazione della Chigiana con il Comune si rafforza con un sempre maggiore coinvolgimento di tutta la comunità cittadina nelle attività concertistiche dell’Accademia. Attività che verranno diffuse anche attraverso la piattaforma multimediale “Chigiana Digital” e l’ampia comunicazione avviata dall’Accademia tramite la rete e i social network, che ha raggiunto oggi un pubblico planetario».

«La 99ª Stagione Micat in Vertice, in vista del prestigioso traguardo del centenario, – conclude Sani – presenta un cartellone del più alto standing internazionale, che si apre alla pluralità delle proposte musicali, dalla musica barocca alle innovazioni multimediali, con la presenza di straordinari interpreti, giovani talenti e di formazioni strumentali che arricchiranno considerevolmente durante l’anno l’offerta culturale di Siena, esempio unico di città che oltre alle bellezze artistiche e architettoniche costituisce un palcoscenico di assoluto livello internazionale per la grande musica e le arti performative».

«Dopo le difficoltà affrontate nelle ultime due stagioni – dichiara Angelo Armiento, Direttore Amministrativo dell’Accademia Chigiana – il cartellone 2021-2022 offrirà al pubblico delle magnifiche occasioni per tornare a vivere la grande musica classica in totale sicurezza. Per consentire la partecipazione di un ampio numero di spettatori e nel pieno rispetto delle norme sanitarie, grazie alla sensibilità del Comune di Siena, quasi tutti i concerti si terranno all’interno dei teatri della città anziché nel tradizionale Salone dei Concerti di Palazzo Chigi Saracini. Anche quest’anno proporremo diverse offerte speciali per abbonati, giovani e studenti, in modo da facilitare ulteriormente la possibilità di assistere agli spettacoli dal vivo, consentendo di riappropriarsi di quegli spazi di socialità che ritengo indispensabili e insostituibili per formare una vera comunità».

«Sono molto orgogliosa, in qualità di rappresentante del Comune di Siena, di partecipare a questa rinascita culturale e artistica, un’occasione da non perdere che ancora una volta l’Accademia Chigiana, superati i criticismi dettati dal Covid, mette a disposizione della nostra città – spiega l’Assessore alla Cultura del Comune di Siena Sara Pugliese – per poter vivere e apprezzare la musica classica dal vivo, in presenza, all’interno di un cartellone di eventi sapientemente costruito grazie alla sinergia di tutte le parti coinvolte e a un forte legame con la città e con il Comune di Siena: la maggior parte dei concerti si terranno infatti all’interno dei teatri comunali. La nostra più grande speranza è quella di veder tornare il pubblico a teatro. Domani presenteremo la stagione teatrale 2021-2022, stagione che costituirà, insieme alla 99ª Micat In Vertice, un’ottima occasione per riempire le platee dei nostri teatri. Concludo dunque con un invito ben preciso, torniamo a teatro e torniamo a vivere di cultura, lo dobbiamo a un città universalmente riconosciuta per il suo notevole patrimonio storico e artistico».

Stagione 2021/2022 – Tra gli eventi più rilevanti della Stagione spicca, il 3 dicembre, il concerto dedicato ai festeggiamenti per l’80° compleanno del grande violinista Salvatore Accardo, profondamente legato all’Accademia Chigiana, di cui è stato prima giovanissimo allievo, appena quattordicenne, nel 1955, e docente poi, dal 1973 al 1981, e successivamente dal 2003 a oggi. Un’occasione preziosa e significativa che vedrà la partecipazione dell’Orchestra da Camera Italiana, per celebrare uno dei più grandi musicisti della nostra epoca nonché principale rappresentante e ambasciatore dell’Accademia Chigiana e della sua storia nel mondo.

Tanti ancora gli interpreti di alto standing che animeranno il cartellone: il pianista canadese Marc André Hamelin sarà protagonista di uno straordinario recital il 21 gennaio presso il Teatro dei Rozzi, con musiche di Carl Philipp Emanuel Bach, Beethoven, Prokof’ev e Skrjabin; il celebre baritono Luca Salsi sarà impegnato il 24 marzo al Teatro dei Rinnovati in una serata appassionante che festeggerà un altro anniversario: il centenario della nascita del baritono senese Ettore Bastianini (1922-1967), tra i più grandi interpreti della scena operistica di tutti tempi, caro a tutta la città di Siena. La serata vede anche la partecipazione del mezzosoprano senese Laura Polverelli, che sarà a sua volta protagonista con il pianista Alessandro Stella di una serata dedicata al Lied tra Otto e Novecento (14 gennaio). Graditissimo ritorno quello del Trio di Parma, una delle formazioni cameristiche più affermate sulla scena internazionale, formata da ex allievi della Chigiana (4 febbraio).
Il 25 febbraio, nel pieno dell’atmosfera del carnevale, serata di divertimento in chiave barocca con l’ensemble “Soqquadro Italiano”, tra le formazioni più originali del panorama musicale europeo nel genere Classical Crossover, che proporrà il suo Who’s afraid of Baroque?, insolito e divertente spaccato sulla musica e sulla cultura italiana del Seicento firmato da Claudio Borgianni e Vincenzo Capezzuto. L’11 marzo spazio a Bad boys, una nuova produzione firmata dall’Accademia Chigiana e proposta in prima assoluta, dedicata all’innovazione musicale e tecnologica e alle sue radici nel Novecento con due grandi interpreti di oggi: Manuel Zurria al flauto e Stephane Ginsburgh al pianoforte, con la regia multimediale di Tommaso Cancellieri.

Spazio anche ai giovani talenti chigiani, autentico cuore della tradizione musicale e formativa dell’Accademia Chigiana, con una serata espressione del miglior livello interpretativo dei corsi estivi di alto perfezionamento. Sul palco della 99ª Stagione MIV il 18 febbraio salirà il violoncellista Ettore Pagano, talento di sicuro avvenire, particolarmente segnalato da entrambi i docenti dei corsi di Violoncello David Geringas e Antonio Meneses e tra i più talentuosi allievi delle ultime edizioni. Il 18 marzo spazio ai giovani dell’Orchestra da Camera del Conservatorio di Milano, diretti da Pietro Mianiti, per una serata dedicata a musiche di Schubert, Schoenberg e Wagner.

Grande attesa anche per i concerti delle formazioni residenti dell’Accademia Chigiana. Il Coro della Cattedrale “Guido Chigi Saracini” sarà impegnato in tre concerti in programma il 17 dicembre in prossimità del Natale e il 14 e il 15 aprile per due programmi dedicati ai temi della Pasqua. L’Ensemble Tabula Rasa, formazione diretta da Stefano Battaglia in rapida affermazione sulla scena nazionale e internazionale in attesa della sua prima pubblicazione discografica, l’8 aprile offrirà al pubblico la sua nuova produzione “Materia”, un progetto che unisce Accademia Chigiana e Siena Jazz in un dialogo tra culture e generi musicali diversi.

Il concerto conclusivo della Micat In Vertice 2021-2022 vedrà sul palco del Teatro dei Rinnovati, sabato 7 maggio, il ritorno dell’ORT – Orchestra della Toscana, diretta da Alessandro Cadario (anch’egli ex allievo dell’Accademia Chigiana) e affiancata da uno straordinario gruppo di solisti con Lorenza Borrani al violino, Enrico Dindo al violoncello e Pietro De Maria al pianoforte, per una serata di grande intensità con la partecipazione di Giovanni Scifoni, voce recitante. In programma tre capolavori assoluti del repertorio sinfonico tra romanticismo e prima metà del Novecento: Rossiniana, suite per orchestra di Ottorino Respighi, Concerto dell’Albatro per violino, violoncello, pianoforte, voce recitante e orchestra di Giorgio Federico Ghedini e Romeo e Giulietta ouverture-fantasia di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Info, biglietti e abbonamenti – Nello spirito di consentire il ritorno del grande pubblico ai concerti in presenza, l’Accademia contiene i prezzi di abbonamenti e biglietti. Gli abbonamenti (da 85€ a 200€) potranno essere rinnovati o prenotati dal 27 ottobre all’8 novembre. I biglietti (da 5€ a 20€) di tutti i concerti potranno essere acquistati sul sito www.chigiana.org a partire dal 15 novembre fino alle ore 18 del giorno dello spettacolo, utilizzando carte di credito dei circuiti Visa, Mastercard, oppure – con il sovrapprezzo di € 1,50 – sul portale TicketOne.it. Per il concerto d’apertura i biglietti saranno in vendita a partire dal 10 novembre.

Come consuetudine, l’Accademia Musicale Chigiana offrirà a studenti e ragazzi sotto i 26 anni di età e a chi abbia compiuto 65 anni forti riduzioni sul prezzo di biglietti e abbonamenti. Saranno inoltre disponibili biglietti di ingresso al prezzo di € 5 per i possessori della Carta Universitaria “Studente della Toscana”, per gli studenti del Polo Musicale Senese e delle scuole primarie e secondarie senesi, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Le attività dell’Accademia Chigiana sono rese possibili grazie al sostegno determinante della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e al contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Opera della Metropolitana e Arcidiocesi di Siena, Colle Val d’Elsa e Montalcino. Si ringraziano inoltre il Comune di Siena, l’Università degli Studi e l’Università per Stranieri di Siena, l’Associazione Siena Jazz, l’Istituto Superiore di Studi Musicali Rinaldo Franci, l’Associazione Le Dimore del Quartetto, il Rotary Club Siena, il Rotary Club Siena Est, la Lega del Chianti, Confindustria Toscana Sud, l’Associazione Nazionale Anziani Pensionati di Confartigianato, il Prof. Nicola Carretti e tutti i membri del programma sostenitori “In Vertice” per il caloroso e generoso contributo riservato all’Accademia.