Al carcere di Santo Spirito la pausa caffè diventa un momento di solidarietà

Nella casa circondariale ecco “Caffè Sospeso”, un’iniziativa sociale tra cittadini e detenuti

Il carcere di Santo Spirito ospita attualmente 70 detenuti e 40 dipendenti, ed è pensando a loro che è nato “Caffè Sospeso”, un progetto patrocinato dal Comune di Siena e sostenuto da Confesercenti.

Una iniziativa sociale alla quale partecipano con entusiasmo tutti, che consiste nell’offrire un caffè ai detenuti attraverso i bar che aderiscono all’iniziativa. Il caffè è inteso come momento di solidarietà, in un contesto difficile fra persone che devono scontare una pena più o meno lunga, con la speranza di ricrearsi il futuro.