Anna Paris (PD): “Sviluppo economico e Europa, temi centrali per Siena e il suo territorio”

La consigliera regionale senese farà parte della Commissione sviluppo economico e rurale ed è stata nominata vicepresidente della Commissione “Politiche europee e relazioni internazionali”

Con l’insediamento delle Commissioni consiliari, avvenuto in data 12 novembre, sono stati formalizzati i settori specifici in cui si incentrerà l’attività di Anna Paris, consigliera regionale PD. La consigliere è stata assegnata ai lavori della Commissione consiliare permanente “Sviluppo economico e rurale”, come da lei richiesto. Il Gruppo del PD l’ha inoltre designata, con il ruolo di Vicepresidente segretario, nella commissione consiliare “Politiche europee e relazioni internazionali” il cui campo di intervento, riscritto nel Consiglio regionale del 3 novembre 2020, prevede tra l’altro l’analisi dei fondi europei e del loro utilizzo da parte della Regione e il supporto alle commissioni permanenti sulle tematiche di rilievo dell’Unione europea.

“In questi momenti difficili -commenta Anna Paris – segnati da una pandemia sanitaria che sta mettendo a dura prova tanti cittadini, il nostro sistema sanitario, tante aziende o associazioni che hanno visto una riduzione delle loro attività, è importante tenere unite la risposta sanitaria, che merita assoluta priorità, con quella economica e sociale, altrettanto importanti. Per questo spero che il mio contributo in due commissioni che trattano temi centrali come l’economia e la connessione della Toscana con l’Europa, possa aiutare il nostro territorio a risollevarsi e tornare a crescere. Ringrazio, infine, il Gruppo del Partito Democratico e i colleghi per aver riposto fiducia nella mia persona, fiducia che intendo ricambiare con il massimo dell’impegno”. Le designazioni evidenziano il riconoscimento del risultato ottenuto nella tornata elettorale dalla candidata indipendente senese. Anna Paris ora sarà impegnata sui molteplici, e in questo momento problematici, temi economici che investono la nostra Regione e sui rapporti della Toscana con l’Europa.