Antonella Tognazzi e Carolina Orlandi ascoltate dalla Procura di Genova

Caso Rossi, i Pm hanno chiesto se conoscevano il gigolò dei servizi de le Iene e se hanno avuto contatti con altri testimoni degli incontri

Caso David Rossi, ieri pomeriggio Carolina Orlandi e Antonella Orlandi sono state chiamate a deporre dalla Procura di Genova. Le due donne sono state sentite dal procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e dal sostituto Cristina Camaiori che indagano per abuso d’ufficio dopo l’intervista rilasciata a Le Iene dall’ex sindaco senese Pierluigi Piccini nella quale aveva parlato di festini hard a cui avrebbero partecipato personaggi di spicco della politica e della magistratura, sottolineando come le indagini sulla morte di Rossi fossero state abbuiate forse proprio per questo motivo. A Genova, tra gli altri, sono già stati sentiti il perito di Antonella Tognazzi, Luca Scarselli e il giornalista de Le Iene, Antonino Monteleone.

Alle due donne è stato chiesto se conoscessero il gigolò, intervistato dal giornalista della trasmissione Mediaset, che si sarebbe prostituito a quei festini e che avrebbe riconosciuto alcuni personaggi importanti.

La stessa trasmissione aveva fatto incontrare il gigolò con la figlia di David Rossi: “Non so e non ho voluto sapere il nome e cognome del ragazzo – ha detto Carolina Orlandi ai pm riferendo di quell’incontro – proprio per tutelarlo. Ci è bastato sapere chi ha riconosciuto e che David non c’entrasse nulla con quei festini”. Alla ragazza è stato chiesto anche se fosse stata contattata da altri testimoni che sapevano di quegli incontri.

“No – ha detto Orlandi – nessun altro si è fatto vivo”. La procura di Genova – competente ad indagare, poiché i fatti riguardano anche magistrati di Siena – aveva aperto un fascicolo per abuso d’ufficio a carico di ignoti dopo la prima puntata della inchiesta sulla morte di Rossi con l’intervista rilasciata a Le Iene dall’ex sindaco senese Pierluigi Piccini.

Estra
Lusini Gas
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Siena Motori
Europa Due
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca