Atti vandalici all’Archeodromo di Poggibonsi

Numerosi i danni riportati, l'amarezza dei responsabili: "Perchè tutto questo? No alle telecamere, sarebbe una sconfitta"

Si sono registrati, alcuni giorni fa, degli atti vandalici contro l’Archeodromo di Poggibonsi, villaggio medievale a cielo aperto fiore all’occhiello del territorio valdelsano. A darne notizia è lo stesso Archeodromo, con un post su Facebook. Il parco non è nuovo, purtroppo, a fatti simili: “Abbiamo constato danni e non da maltempo. Non si tratta di fatti gravi ma dispiace e amareggia la mancanza di rispetto verso il museo (perché si tratta di un museo!) e verso il lavoro degli altri” tuonano.

“Con una pietra hanno fatto un buco – spiegano i responsabili – nella parete del forno dove già avevano colpito alcuni mesi fa (e avevamo risistemato); hanno sparpagliato le cataste di legno di fronte alla capanna del falegname Johannes e spaccato tratti di recinzione; spostato e lanciato le pietre a delimitazione delle aiule intorno agli ulivi. Tutte cose che si sistemano con poco lavoro. Ma perché, perché deve sempre succedere questo?” si chiedono amareggiati.
A chi invoca telecamere per aumentare i livelli di sicurezza e scovare gli eventuali responsabili, l’Archeodromo spiega che “sarebbe una sconfitta; questo è anche un progetto etico ed educativo, di rigenerazione urbana e sociale”.