Commercio, De Mossi: “Chiederemo sospensione IVA e tasse di soggiorno”

Il Primo cittadino, intervenuto questa mattina per rispondere alle domande dei cittadini, ha illustrato alcune soluzioni che l'Amministrazione vorrebbe proporre al Governo

L’emergenza Coronavirus sta costringendo tra le mura domestiche la popolazione, per evitare il rischio contagio. Una situazione che sta mettendo e metterà, in un futuro prossimo, in seria difficoltà soprattutto l’economia della città.

Questa mattina, durante il consueto colloquio delle 11 con i cittadini, il sindaco di Siena Luigi De Mossi ha risposto alle domande riguardanti proprio questa problematica, esponendo delle possibili soluzioni che l’amministrazione comunale vorrebbe mettere in atto.

“Come sapete le decisioni sugli affitti non competono solo all’amministrazione locale, ma cercheremo di sostenere con tutte le nostre forze il commercio e l’economia della città – ha spiegato il sindaco Luigi De Mossi – Sentiremo il Governo su quali misure intendono proporre per i commercianti. Vorrei fare una proposta, aiutato da altre autorità locali, per richiedere esclusione dell’IVA per i commercianti, per un periodo di tempo, e per far sì che il governo rimborsi la tassa di soggiorno, così che a pagarla non debbano essere albergatori o turisti, così da aiutare anche il settore del turismo”.

Il sindaco si è anche espresso sulla questione del bilancio del Comune, che certamente soffrirà della situazione di emergenza venutasi a creare a livello mondiale:

“Riteniamo che il bilancio di quest’anno sarà sociale più che economico” ha spiegato il sindaco.

Lusini Gas
Estra
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Chianti Banca
Centro Farc