Consiglio regionale, insediate le commissioni

Con la nuova legislatura passano da quattro a sei. Le due nuove si occuperanno di Cultura ed Europa

I tasselli finalmente sono tutti al loro posto. A quasi due mesi di distanza dalle elezioni, il Consiglio Regionale ha completato l’iter per dare il via alla nuova legislatura. Dopo l’insediamento dei vertici dell’assemblea, oggi è stato il turno delle commissioni: passate da quattro a sei. Oltre a quelle già preesistenti, sono state aggiunte quella relativa alla Cultura e all’istruzione e quella che si occuperà di Politiche europee e relazioni internazionali. Dalla prossima settimana saranno operative per lavorare sui primi atti da portare poi in aula.

Insieme alla composizione dei vari organismi, sono stati indicati anche i rispettivi presidenti, tutti del Partito Democratico: per gli Affari istituzionali è stato confermato Giacomo Bugliani, lo sviluppo rurale sarà guidata da Ilaria Bugetti, la sanità da Enrico Sostegni, l’ambiente da Lucia De Robertis, la cultura da Cristina Giachi, le Politiche europee da Francesco Gazzetti. Per la commissione controllo, di norma in forza all’opposizione, è stato scelto Alessandro Capecchi di FdI, mentre il portavoce della minoranza è Marco Landi della Lega.

Un contributo significativo per i lavori arriverà anche dai consiglieri senesi. Stefano Scaramelli di Italia viva è stato inserito nella commissione affari istituzionali e bilancio, mentre Elena Rosignoli e Anna Paris, entrambe del Pd, avranno un doppio incarico: la prima si occuperà di Cultura e Controllo, l’altra di Sviluppo economico ed Europa.