Consorzio Agrario di Siena, la preoccupazione dei lavoratori: nessuna risposta dal cda

Delusione, amarezza e preoccupazione da parte dei lavoratori e degli agenti dei Consorzi Agrari, i quali hanno richiesto un imminente incontro con tutti gli organi dirigenziali

Tutto tace, e con il passare delle settimane cresce sempre di più la preoccupazione dei lavoratori e delle lavoratrici in merito al futuro del Consorzio Agrario di Siena. Al momento non si registrano elementi di novità sul piano industriale, soprattutto permane una forte contrapposizione in seno al consiglio di amministrazione. Gli agenti del Consorzio Agrario di Siena sono in apprensione perché da settimane chiedono un incontro con il cda al completo, ma dalla sede di via Pianigiani non è arrivata nessuna risposta.

Delusione, amarezza e preoccupazione da parte dei lavoratori e degli agenti dei Consorzi Agrari sparsi in tutta la provincia di Siena, i quali a seguito delle notizie riguardo ad un futuro incerto dell’impresa senese hanno richiesto un imminente incontro con tutti gli organi dirigenziali. Richieste di un incontro ufficiale partite già dallo scorso Settembre e alle quali dopo mesi non ci sono state risposte. C’è bisogno di chiarezza sul futuro del Consorzio e sul piano industriale approvato dall’assemblea dei soci che fino a ora ha permesso la continuità aziendale. Un silenzio assordante che deve essere rotto, perché è in gioco il futuro di 22 punti vendita in provincia di Siena, 8 in provincia di Arezzo e di una rete commerciale capillare che tocca tutta Italia. Un’attività importante che fa del Consorzio Agrario di Siena la prima impresa del comparto agroalimentare della Toscana, fondata nel 1901.