Coronavirus: La chiusura dell’Ateneo cosa comporta? Ecco alcuni chiarimenti

Il decreto che chiude le scuole ferma anche la didattica nelle Università fino al 15 marzo. Molti Atenei si stanno attrezzando con lezioni online e Mooc. Per le sessioni sono sospesi gli appelli di esame di profitto.

Ad essere chiuse al pubblico sia le biblioteche che le sale lettura, come sono sospese tutte le attività di front office presso tutti gli uffici e di ricevimento studenti. Il ricevimento potrà, invece, essere effettuato in modalità telematica, previo appuntamento. Ad essere annullati anche convegni, corsi di formazione, conferenze, ed ogni altra iniziativa che comporta un eccessivo assembramento di persone.

Per proseguire gli insegnamenti i docenti potranno usufruire di una sezione della piattaforma Moodle dove poter caricare files contenenti slides, materiale bibliografico, video ed ogni altro materiale ritenuto utile per consentire agli studenti una adeguata fruizione delle attività didattiche in questo periodo in cui la didattica frontale è sospesa. La piattaforma è raggiungibile al link http://elearning.unisi.it/moodle/, a cui studenti e docenti possono accedere attraverso le credenziali uniche di Ateneo. Per la consultazione del materiale occorrerà che ciascun studente selezioni gli insegnamenti di interesse e scelga l’opzione “ISCRIVIMI”. Per ulteriori dettagli è disponibile un gruppo di supporto raggiungibile all’indirizzo [email protected]. Sono in fase di valutazione anche le modalità operative per la somministrazione delle lezioni via diretta streaming, eventualità che sarà comunicata direttamente dai docenti all’interno della sezione riservata ad ogni singolo insegnamento della stessa piattaforma Moodle.

Tramite la stessa piattaforma, utilizzando l’applicativo Panopto, è possibile registrare ciascuna lezione che può poi essere resa disponibile agli studenti nello spazio apposito.

Estra
Lusini Gas
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Siena Motori
Europa Due
Siena Bureau
Terre Cablate
Centro Farc
Chianti Banca