Dovrebbe stare aperta solo per manutenzione ma continua a fabbricare: nei guai azienda valdelsana

All'arrivo dei militari era in corso di svolgimento la normale attività di fabbricazione di arredi

In questo periodo di grande apprensione in Italia per via dell’emergenza Coronavirus, gli accertamenti della Guardia di Finanza si stanno orientando sempre più al monitoraggio del rispetto delle disposizioni in tema di prevenzione anti-contagio da Covid-19 nei confronti delle attività produttive in esercizio, ovvero autorizzate in deroga dalla locale Prefettura.

In tale contesto una pattuglia in servizio nella Valdelsa senese ha sottoposto a controllo un’azienda operante nel settore della fabbricazione e commercializzazione di arredi in ferro, che aveva richiesto al Prefetto l’autorizzazione, in deroga al decreto, per il solo esercizio di attività manutentiva nei confronti di un Ente di “Pubblica Assistenza”.

Al momento dell’accesso nei locali aziendali, i militari hanno constatato che, nonostante l’impresa fosse legittimata a restare apertura, in forza dell’autorizzazione ricevuta dalla Prefettura per la sola attività di manutenzione, era in corso di svolgimento la normale attività di fabbricazione di arredi, in chiara violazione della deroga concessa e delle disposizioni imposte dal Governo.

All’imprenditore dell’azienda sorpresa nella prosecuzione della normale attività lavorativa nonostante il divieto imposto dalle recenti disposizioni governative, in violazione della deroga concessa dalla Prefettura è stata comminata la sanzione amministrativa da 400 a 3.000 euro e l’immediata chiusura dell’attività, per 5 giorni, disposta direttamente dai militari intervenuti.

Estra
Electronic Flare
Centro Farc
Terre Cablate
Europa Due
Siena Bureau