Emma Villas Aubay Siena: in banda arriva Giuseppe Ottaviani

Ottaviani arriva alla Emma Villas Aubay Siena per la sua decima stagione in Serie A dopo aver indossato le maglie di M.Roma, Tuscania, Ortona, Spoleto e Castellana Grotte

Era stato condiviso già ieri sera sul canale Instagram della Emma Villas Aubay Siena l’annuncio del secondo nome che farà parte del roster del prossimo anno. E così alle 8:00 in punto di questa mattina la notizia: Giuseppe Ottaviani è il secondo nuovo arrivo biancoblu alla corte di Coach Lorenzo Tubertini.

Schiacciatore classe 1991, nato e cresciuto a Viterbo, Ottaviani arriva alla Emma Villas Aubay Siena per la sua decima stagione in Serie A, dopo aver indossato da giovanissimo anche la maglia della MRoma Volley in SuperLega e poi passato per la serie A2 da Tuscania, Ortona, Spoleto e, infine, lo scorso anno dalla Bcc Castellana Grotte. Giocatore di esperienza particolarmente solido in seconda linea, in ricezione e in difesa, dotato di un buon servizio, rappresenta quella pedina capace di dare sicurezza e compattezza al gruppo. In più si legge dalla nota stampa della società che il giocatore laziale ha un ottimo feeling, dentro e fuori dal campo, con l’altro neo-acquisto, il regista Riccardo Pinelli, con il quale ha condiviso uno degli anni migliori della propria carriera, sia da un punto di vista tecnico che da un punto di vista emotivo, vale a dire la stagione 2016/2017 a Tuscania, quando raggiunsero l’obiettivo finalissima della Del Monte Coppa Italia a Casalecchio di Reno in cui la loro squadra uscì sconfitta proprio contro la Emma Villas Siena.

La rosa biancoblu insomma sta pian piano prendendo forma, dovrebbero essere riconfermati e aggiungersi ai due nomi ufficializzati anche i giovani Panciocco, Truocchio, Ciulli, Fantauzzo e Della Volpe, ma mancano ancora tanti tasselli importanti: dal reparto dei centrali al libero, ma soprattutto manca ancora il nome del posto 2 che avrà il difficile compito di sostituire il bomber Yuri Romanò, elemento trainante per l’attacco dei biancoblu.

Lorenzo Agnelli