Fusione GSK Pharma-GSK Vaccines, Goracci (Cgil): “Il timore è per 50 ricercatori, vogliamo scongiurare i licenziamenti”

Goracci (Filctem Cgil): “Nel 2015 l’azienda contava 2450 lavoratori, a fine 2019 ne mancano all’appello 400”

La multinazionale Gsk ha reso noto che a seguito di una fusione tra GSK Pharma e GSK Vaccines alcune funzioni di ricerca e sviluppo saranno unite fra loro, portando come riflesso sui siti senesi a quantificare in 70 le posizioni lavorative “oggetto di riorganizzazione”. La questione è monitorata dalla Cgil che lavora per impedire eventuali licenziamenti.

“Riorganizzazione è un termine ambiguo, capiamo la necessità dell’azienda ma si parla di 70 persone, 20 legati alla produzione, 50 alla ricerca – spiega a Siena Tv Marco Goracci, Filctem Cgil – Il timore è per questa seconda platea, ricollocare 50 persone con competenza nell’azienda di ricerca non sarà facile. Il rischio reale è il licenziamento, lavoreremo per scongiurarli, cercando soluzioni appropriate. Nel 2015 Gsk aveva 2450 lavoratori, alla fine del 2019 mancano all’appello 400 lavoratori”.

Estra
Lusini Gas
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Chianti Banca
Centro Farc