Giovane senese vittima di una truffa online: gli spillano 500 euro

Raggirato nel tentativo di vendere online degli oggetti di arredo: la Polizia denuncia il truffatore

Un truffatore è stato scoperto e denunciato, nei giorni scorsi, dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Siena: vittima del raggiro un giovane senese che nel mese di novembre scorso aveva messo in vendita su vari siti e-commerce degli oggetti di arredo. Viene contattato telefonicamente da un utente, che dimostra interesse per due divani, messi in vendita al prezzo di circa mille euro.

Il presunto acquirente – risultato poi essere l’artefice della truffa – prima ha cercato di ottenere il codice Iban dal venditore, promettendogli un bonifico per l’ammontare del prezzo, ma il giovane senese prende tempo. L’interlocutore, allora, dopo pochi minuti lo richiama e gli prospetta un’altra modalità: in pratica lo raggira. Lo convince a portarsi presso lo sportello ATM di una banca ed a seguire le sue istruzioni, digitando il codice di accesso con la promessa di inviargli, sulla sua carta di credito, il denaro pattuito. Riesce invece a carpirgli oltre cinquecento euro, accorgendosi subito dopo che, invece di aver ricaricato la propria carta, aveva ricaricato quella del malvivente.

Resosi conto della truffa, il giovane senese ha anche provato a ricontattare l’interlocutore, senza ricevere, naturalmente, più risposta. Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, dopo aver ricevuto la denuncia, attraverso una serie di approfondimenti sui contatti telefonici e mediante verifiche presso l’istituto bancario, sono riusciti a risalire e ad individuare il beneficiario della transazione del denaro, un giovane dimorante nel milanese, già noto alle forze dell’ordine. Costui, dopo essere stato reso edotto delle sue responsabilità, è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria per la truffa perpetrata.

La Questura raccomanda la massima attenzione in occasione di acquisti effettuati con l’utilizzo dei siti e-commerce poiché la scaltrezza dei malintenzionati risulta dotarsi di strumenti sempre più efficaci e, in caso di dubbi sulla bontà delle transazioni, di rivolgersi sempre ad un ufficio di polizia.

Electronic Flare
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Siena Bureau
Europa Due