Home Cronaca Gora Summer Festival: weekend di musica, arte e cultura per tenere in vita la memoria
0

Gora Summer Festival: weekend di musica, arte e cultura per tenere in vita la memoria

0
0

Dall’1 al 4 agosto al Parco dei Cigni di  Castel del Piano

Torna il Gora Summer Festival a Castel del Piano. Quattro giorni (1 – 4 di agosto) di musica, arte e cultura nel suggestivo Parco dei cigni di Castel del Piano. Un luogo simbolo in paese, quel parco che per anni i cioli(abitanti di Castel del Piano) hanno chiamato gora e che sorge sui resti di un’antica miniera dove si estraeva e si lavorava la farina fossile.

Un prodotto che dette occupazione a migliaia di cittadini(dal 1913 al 1978), ma a caro prezzo. Dietro quella così innocua farina ottenuta, che qui in molti per anni hanno chiamato Latte di Luna, tanto era sottile e bianca la polvere estratta, in realtà si nascondeva il micidiale biossido di silicio causa di moltissime morti per silicosi. Come ricorda l’opera in pietra che si trova al centro del Parco dei cigni, il monumento al minatore. Da qui sono partiti i giovani ed intraprendenti ragazzi dell’Associazione Culturale La Gora che da tre anni a questa parte hanno voluto rendere omaggio a questo semidimenticato capitolo di storia locale attraverso il linguaggio della musica, dell’arte e della cultura.

Il Gora Summer Festival è infatti una rassegna ricca e variegata con un format originale e dinamico: laboratori didattici per bambini, dibattiti e confronti con giornalisti, scrittori e docenti universitari, dimostrazioni live di artisti nazionali ed internazionali, concerti, DJ set ed enogastronomia di qualità. All’interno del parco si potranno trovare una Birreria, una Birroteca, una Pizzeria, una Panineria, una Friggitoria, una Lumacheria ed un Bar. Tra le novità di questa edizione, la serie di appuntamenti culturali che seguiranno il filone della Miniera di libri. Tre diverse presentazioni di libri che trattano argomenti diversi, con gli autori intervistati da altri scrittori e giornalisti per ricordare il valore della lettura e del libro. Il libro sarà anche protagonista dei 3 laboratori didattici per bambini proposti dalla Cooperativa Il Quadrifoglio, che partiranno proprio da un libro illustrato per poi svilupparlo in forme e modi diversi. In più nella giornata del venerdì 2 si potrà partire direttamente dal Parco dei Cigni, alle ore 20, con una bicicletta a pedalata assistita per vivere in piena sicurezza l’esperienza di pedalare in notturna immersi in una faggeta unica (Amiata). L’Associazione Gora ha infatti stretto una collaborazione con Amiata E-bike per proporre un percorso di 25 km da fare con biciclette elettriche. Al rientro sarà possibile trovare ristoro all’interno del Parco nel ristofood. Giovedì 2 agosto, alle 18 l’inaugurazione del Festival con il primo appuntamento culturale, “Memorie dal Sottosuolo”.

Il giornalista Cristiano Bernacchi(Il Tirreno e Corriere Fiorentino) presenterà il Festival con un breve approfondimento storico sul Latte di Luna. Al suo fianco sul palco dibattiti ci sarà il Sindaco di Castel del Piano che darà la benedizione al Festival. A seguire le parole del Direttore Artistico Nico Raffi sul Festival per poi proseguire con un piccolo intermezzo musicale. Alle ore 19:00, apertura della birroteca e di tutti gli stand a base di street food locale e non. All’interno del Parco dei Cigni si potranno infatti trovare: una birreria con prodotti locali, una birroteca dove verranno presentate e raccontate dal Mastro Birraio Alessio Bargagli 20 diverse tipologie di birre artigianali, una pizzeria, una panineria, una friggitoria, una lumacheria ed un bar. Alle 22 saliranno sul palco spettacoli il gruppo Quartiere Coffee, band grossetana che dal 2004, anno di fondazione, porta i suoi ritmi Reggae in giro per l’Italia, con un pubblico sempre crescente e collaborazioni sempre più prestigiose. Il venerdì 3 si inizierà a partire dalle 17:00 con “GiocaBimbi”, laboratorio didattico per bambini dal titolo “Il Giardino di Matisse”, gestito dalla Cooperativa il Quadrifoglio con area dedicata, dove ogni giorno si terrà un’attività diversa che partirà dalla lettura di uno o più albi illustrati. Alle 18:00 per il secondo appuntamento di “Memorie dal Sottosuolo” che seguirà il filone “Una miniera di Libri”, la scrittrice Melissa Panarello, nota al grande pubblico come Melissa P. di “Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire”, romanzo tradotto in 42 paesi diversi, presenterà il suo ultimo libro “Il mio primo dolore”.

Ad intervistarla, Barbara Schiavulli, corrispondente di guerra e scrittrice che negli ultimi 20 anni ha raccontato i fronti più estremi del mondo per il Fatto Quotidiano, La Repubblica, Avvenire e l’Espresso. Dalle 19:00 spazio all’arte. Confermata anche per questa edizione del Festival la dimostrazione live painting su pannelli dedicati, dove gli artisti Massimiliano Marzucco, Vaps e Michele Guidarini si esibiranno in performances dal vivo. Dopo la cena a scelta tra i diversi punti ristoro, inizierà alle ore 22:00 il concerto dei Maleducazione Alcolica. Otto giovani musicisti che con le loro sonorità spaziano tra lo Ska ed il Reggae. Dopo il concerto, intorno alle 24:00 partirà il DJ set di musica elettronica di Cyry al fianco dei Q2Visual con i loro show a base di video-installazioni, live sets e videomapping. Sabato 3 dalle 17:00 riparte GiocaBimbi, con “Il pentolone delle storie”, un laboratorio didattico di lettura ed animazione. L’appuntamento culturale delle 18:00, vedrà invece la scrittrice Barbara Schiavulli salire sul palco conferenze per parlare con il giornalista Cristiano Bernacchi del suo ultimo libro “Quando muoio lo dico a Dio – Storie di ordinario estremismo” e del progetto giornalistico Radio Bullets, di cui è fondatrice e direttore. Dopo un breve Dj set musicale curato da Andrea Acquaroli, a partire dalle 19:00 i due artisti Vaps e Michele Guidarini proseguiranno il loro live painting con nuove forme e colori che andranno a decorare i pannelli. Sul palco dei concerti alle 22:00, saliranno gli Après la Classe, band oramai affermata nel panorama musicale nazionale che mescola la tradizione musicale salentina, fatta di pizzica e taranta alle sonorità della Patchanka. A seguire un Live set curato da Rome in Reverse con i Q2Visual, per uno spettacolo a base di sound elettronico a 360°.

La giornata conclusiva del Festival, domenica 5 aprirà i battenti a partire dalle 12 e 30 con tutti gli stand gastronomici e di artigianato. Dalle 17:00 ultimo appuntamento per GiocaBimbi, con il laboratorio artistico “Il prato fiorito”. La serie culturale di “Memorie dal sottosuolo” del Festival per “Una miniera di libri”, si chiuderà con la presentazione del libro “Trappola per volpi” di Fabrizio Silei, autore di albi, saggi e romanzi per ragazzi tra i più apprezzati d’Italia(Vincitore del premio Andersen 2012). Sarà intervistato da Alessio Gennari, libraio e proprietario della libreria locale Sognalibro, nuova fucina letteraria di Castel del Piano. Alle 22:00, saranno poi le cover del gruppo Great Queen Rats, band tra le più apprezzate d’Italia, ad animare il pubblico. All’interno del Parco nei giorni del Festival si potranno trovare: mostre fotografiche, zone relax, divanetti, mercatini di artigianato, abbigliamento e cosmetica. Si ricorda infine che fatta esclusione per i laboratori didattici, che hanno un costo minimo, tutti i concerti sono ad ingresso gratuito, così come gli appuntamenti culturali dove i vari professionisti coinvolti parteciperanno a titolo gratuito, per un festival che punta tutto sulla qualità e la sostenibilità.