Il ministro Marco Bussetti visita Toscana Life Sciences

Sottolineata la volontà di porsi come attore strategico di riferimento sui temi dei rapporti pubblico-privati, del trasferimento tecnologico e della formazione altamente specializzata nell’ambito delle scienze della vita

Tappa senese per il Ministro Marco Bussetti, Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, ospite del Comune di Siena e che oggi ha visitato la sede di Toscana Life Sciences, di cui il Comune è socio fondatore, accompagnato dal sindaco Luigi De Mossi.

L’incontro con il presidente Fabrizio Landi e il direttore generale Andrea Paolini, alla presenza dei principali rappresentanti istituzionali, è stato l’occasione, oltre che per presentare la Fondazione e le sue attività, anche per mettere sul tavolo alcuni importanti temi legati alla ricerca, al trasferimento tecnologico e alla formazione.

Tra questi: i progetti in collaborazione con l’Università di Siena e la continua collaborazione con i dipartimenti d’eccellenza, con particolare riferimento all’ambito della medicina di precisione; l’importanza di un sistema di piattaforme congiunte con Ateneo, Azienda Ospedaliera senesi e gli altri attori del territorio, per favorire la ricerca scientifica; le borse di dottorato di ricerca ospitate; il ruolo sempre più incisivo di UVaR (Ufficio Valorizzazione Ricerca farmaceutica e biomedica) nei processi di trasferimento tecnologico; il sistema formativo ITS che, grazie alla collaborazione tra ITS VITA, Università e imprese toscane del settore, garantisce un’offerta formativa altamente specializzata nell’ambito delle scienze della vita; la presenza di TLS nel Cluster ALISEI e il ruolo del cluster nel creare uno stretto legame tra sistema industriale, sistema della ricerca e istituzioni nazionali e regionali.

“Siamo onorati di poter presentare al Ministro Bussetti la realtà di TLS – commenta il Presidente TLS Fabrizio Landi – ma, soprattutto, di poter illustrare il modello che ci caratterizza e che trova proprio nelle collaborazioni pubblico-private un elemento distintivo e un decisivo punto di forza. Si tratta, infatti, di un modello innovativo di supporto allo sviluppo di scienza, tecnologia e impresa sul territorio”.

“Abbiamo accolto con grande piacere la visita del Ministro cogliendo l’occasione per sottolineare il nostro ruolo di facilitatore e aggregatore di sistema in molte partite decisive che oggi la ricerca scientifica e la formazione si trovano ad affrontare – precisa il direttore generale TLS Andrea Paolini – Riteniamo, infatti, di poter dare un contributo strategico anche a livello nazionale, qualora si presentassero le condizioni per un coinvolgimento di TLS in progettualità specifiche e gruppi di lavoro su temi come ad esempio il trasferimento tecnologico.”

“Si è trattato di un’ottima opportunità – dichiara Francesco Frati, Rettore Università di Siena – per illustrare al Ministro il lavoro sinergico avviato dai soggetti cittadini che si occupano di formazione, ricerca e trasferimento tecnologico nell’ambito delle scienze della vita valorizzando il capitale umano presente sul territorio e mettendolo nelle condizioni di svolgere una funzione di volano nei confronti dello sviluppo imprenditoriale della città”.

L’incontro si è concluso con una panoramica sul bioincubatore TLS, che ad oggi conta 42 realtà tra aziende incubate, affiliate e gruppi di ricerca, e con un breve confronto del Ministro con alcune delle realtà presenti.

 

Lusini Gas
Estra
Cotas Radio Taxi
Electronic Flare
Europa Due
Siena Motori
Terre Cablate
Siena Bureau
Centro Farc
Chianti Banca