La Mens Sana batte la capolista Virtus Roma: al PalaEstra finisce 79-74

Ottima prova corale degli uomini di Moretti che sanno soffrire e colpire al momento giusto. Decisivi il tiro dalla lunga e i rimbalzi, grandi prestazioni di Lupusor, Pacher, Morais e Poletti

Grande vittoria della ON Sharing Mens Sana, che col punteggio di 79-74 si impone in un PalaEstra bollente sulla capolista Virtus Roma, salendo a 11 punti  in classifica (senza la penalizzazione si sarebbe secondi e con un match da recuperare). Prestazione determinata degli uomini di Moretti che dopo una partenza in sordina riescono a bucare la difesa romana con il tiro dalla lunga (41,4% complessivo) e prendono il comando delle operazioni, senza però riuscire  ad “ammazzare” il risultato. Roma ha tonnellaggio e presenza in area con i totem Sims e Landi, ma si trova contro una squadra che sa stare in partita e soffrire senza uscirne nei momenti di maggiore pressione, e che colpisce chirurgicamente dai 6.75 quando è necessario (decisivi in questo senso Morais, anche se nell’ultimo quarto sbaglia l’impossibile, Poletti, Pacher e sopratutto Lupusor, mentre dietro è sopraffina la regia di Sanguinetti). Negli ultimi 10′ Siena, priva di Poletti acciaccato a fine primo tempo, allenta la pressione e si fa riprendere  ma con le triple, i rimbalzi (39 le carambole totali) e una difesa graffiante sbaraglia i capitolini ottenendo i due punti.

Il match

Primo quarto ad alti ritmi ed equilibrato, con Roma che imprime alla gara fin da subito la sua aggressività a rimbalzo, otturando l’area con l’imponente Landi; Siena fa girare palla e apre il campo con le bombe, soffrendo in difesa la mano ispirata dell’ex Sandri. Grazie però a una crescente pressione difensiva la On Sharing dopo 10′ si porta avanti sul 19-15, con Roma che mette già a referto 5 palle perse. Ad inizio secondo quarto diventa protagonista la difesa di Roma, che frena l’inerzia senese: Landi prende in mano l’attacco capitolino e rimette i giochi in equilibrio. Il tiro da tre rimane il principale grimaldello di Siena per scardinare la porta murata di Roma, anche se a fare la differenza è lo scatenato duo Morais-Poletti. Dopo 20′ Siena si mantiene sopra col punteggio di 40-33. Nella ripresa Siena parte col freno a mano a tirato e Roma si fa pericolosamente sotto con Sims; Landi prende il tecnico e i biancoverdi ne approfittano per ribaltare l’inerzia con 3 bombe di fila firmate da Lupusor, Morais e Ranuzzi. Tanti gli errori da ambo le parti, a tenersi sopra sono i padroni di casa, seppur di misura, anche con l’apporto di un Prandin difficilmente marcabile sul primo passo in partenza (56-53 Siena dopo 30′). Roma macina punti affidandosi al gigante Sims, nel mezzo di una difesa  di casa con meno mordente, e torna in pista: a ricacciare indietro gli ospiti ci pensano sempre le triple di Lupusor e Radonjic. La Virtus perde lucidità e tanti palloni e nonostante i troppi pasticci di Morais viene punita da Pacher che colpisce dalla lunga e ruggisce in difesa: finisce 79-74, la Mens Sana coglie una importantissima vittoria.

On Sharing Mens Sana 79  Virtus Roma 74

On Sharing Mens Sana: Poletti 13, Pacher 13, Morais 15 e 5 perse, Lupusor 11, Marino 9, Radonijic 3, Ranuzzi 3, Del Debbio, Prandin 7, Ceccarelli, Ricciardelli, Sanguinetti 7. Coach: Moretti.

Virtus Roma: Alibegovic 3, Lucarelli, Chessa 5, Moore 12, Sandri 10, Baldasso 5, Saccaggi 2, Landi 13 e 11 rimbalzi, Sims 19, Santiangeli 5. Coach: Bucchi.

Claudio Coli

 

Lusini Gas
Estra
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Siena Motori
Europa Due
Siena Bureau
Terre Cablate
Chianti Banca
Centro Farc