Liceo Scientifico, sarà ricostruita l’ala interdetta a docenti e alunni

La Provincia è pronta ad affidare il progetto esecutivo, si cercano finanziamenti. Franceschelli: “Fra 5 anni il problema delle scuole a Siena sarà finito”

Sono attese novità per quanto riguarda il liceo Scientifico di Siena. La Provincia è intenzionata ad abbattere l’ala dell’istituto da tempo in disuso e dichiarata inagibile, per costruire un nuovo blocco, siamo alla fase dell’affidamento del progetto esecutivo. Un’iniziativa che permetterà alla scuola di utilizzare al meglio i propri spazi, visto che da tempo si sta facendo di necessità virtù. A fare il punto della situazione ai microfoni di Siena Tv è la preside, prof.ssa Adele Patriarchi

“L’ala è dichiarata inagibile, non può essere riaperta – spiega la docente -C’erano sei aule e una palestra, va abbattuta e ricostruita. La Provincia ha chiesto dei finanziamenti per l’abbattimento e la progettazione di una nuova ala, sono in attesa dell’esito della richiesta”

“Abbiamo 14 aule nell’edificio adiacente, il Bandini, all’inizio dell’anno scolastico avevamo la rotazione su 4 classe, adesso siamo su 1, grazie alla Provincia lavoriamo per trovare le aule grazie all’organizzazione degli spazi interni” conclude.

“Siamo nella fase di affidamento della fase esecutiva, ora servono i finanziamenti. Abbiamo un programma ben delineato, a medio e lungo termine – assicura in merito il presidente della Provincia Silvio Franceschelli – abbiamo fatto delle cose per il Marconi, altre le faremo per l’immobile di Viale Sardegna, ci stiamo muovendo. La questione del Monna Agnese va affinata, quando verrà sbloccata, gli spazi liberi potranno servire come contenitori per corsi di altre scuole. Fra qualche anno, forse 5, il problema delle scuole senesi sarà risolto finito”.