Mangia, botta e risposta Lilt-Comune. Valentini: «Accuse ingiustificate, candidatura di Maio arrivata tardi»

Raggiunto telefonicamente il primo cittadino ha replicato alle accuse di Franco Nobile

«Sono accuse immeritate e ingiustificate». Così il sindaco di Siena Bruno Valentini, risponde alla dura presa di posizione nei suoi confronti da parte del presidente della Lilt Siena, Franco Nobile, dopo il caso della candidatura al Mangia 2016 del professor Michele Maio.

«Il Comune – ha detto il primo cittadino raggiunto telefonicamente – ha preso in grande considerazione la proposta della Legatumori, che però è arrivata quando la fase di selezione molto avanzata per le altre candidature. Successivamente sono spuntati altri nomi ma il punto non è fare una gara tra l’uno o l’altra proposta».

«Non posso credere – ha aggiunto Valentini – che i rapporti con un’organizzazione importante per Siena, come la Lilt, si siano incrinati per una vicenda in cui il Comune è uno dei 30 membri del Concistoro del Mangia. Da parte nostra abbiamo preso in seria considerazione la candidatura di Maio, professionista stimato a Siena e nel mondo, ma questa doveva presumibilmente essere avanzata prima».

«Questo non deve alimentare le polemiche sulle scelte del 2016 – ha concluso Valentini -. Mi auguro che la cosa si risolva e si chiarisca. Credo ci siano tutti gli elementi per comprenderlo».

 

LEGGI ANCHE: Strappo Lilt-Comune, disdetto il protocollo. Nobile: «Confuso voltafaccia del Sindaco»

Estra
Lusini Gas
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Europa Due
Siena Motori
Siena Bureau
Terre Cablate
Chianti Banca
Centro Farc