Mps: Viola e Profumo condannati, le motivazioni dei giudici. “Spiccata capacità a delinquere”

Gli ex vertici della banca condannati lo scorso ottobre a Milano

“Non residuano dubbi, all’esito dell’istruttoria, circa la piena consapevolezza dell’erroneità della contabilizzazione a saldi aperti, desumibile dal granitico compendio probatorio raccolto, articolato in plurimi e convergenti elementi di significativa pregnanza”. E uno dei passaggi delle motivazioni con cui i giudici di Milano, lo scorso 15 ottobre, hanno condannato a sei anni di reclusione e a una multa di 2,5 milioni ciascuno gli ex vertici di Mps, Alessandro Profumo (attuale ad di Leonardo) e Fabrizio Viola, rispettivamente ex presidente e ad, per le accuse di aggiotaggio e false comunicazioni sociali (in relazione alla prima semestrale 2015 della banca). Nella decisione relativa al trattamento sanzionarlo, si sottolinea come “i fatti per cui si procede siano stati oggetto di una previsione originaria unitaria e di un medesimo disegno criminoso”. Condotte la cui “gravità” di “singolare insidiosità e pure reiteratamente perpetrate, quanto a Profumo e Viola”, non possono consentire di concedere le attenuanti generiche. I giudici parlano di una “spiccata capacità a delinquere”.