Nucleare, domani in Consiglio regionale la mozione per dire no al deposito di scorie in Toscana

Scaramelli (Italia Viva): "La Toscana sia unita su questo tema. Auspico l'assenza di distinguo politici"

Domani in Consiglio regionale sarà discussa la mozione del vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Stefano Scaramelli, in merito all’esclusione delle zone di Pienza-Trequanda e Campagnatico dall’elenco delle aree potenzialmente idonee ad ospitare il Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi. 
“Chiediamo ampia convergenza e responsabilità per arrivare – dice Scaramelli – all’approvazione all’unanimità dell’atto che impegna la Regione Toscana ad attivarsi nei confronti del Governo per tutelare lo sviluppo sostenibile, culturale e paesaggistico della Toscana tutta, scongiurandone l’indicazione sitografica che danneggerebbe vocazione turistica e produzioni agroalimentari. Non servono distinguo politici ma serve che la Toscana faccia la Toscana per dare al presidente Giani pieno mandato al fine di scongiurare la realizzazione del Deposito nazionale sul nostro territorio. La Toscana ha peculiarità e vocazioni agricole e turistiche tali da rendere impraticabile la realizzazione dello stoccaggio nazionale di rifiuti radioattivi”.