Ospedali Riuniti della Valdichiana, somministrato il primo vaccino anti-covid

Iniziata la campagna vaccinale. Attualmente al mono blocco di Nottola sono 408 i vaccini prenotati dai sanitari

“Oggi nel nostro territorio abbiamo iniziato a scrivere una pagina, la pagina della speranza con la consapevolezza che sconfiggere il corona virus sarà una strada lunga e tortuosa ma solo vaccinandosi potremo vedere la luce in fondo al tunnel che ci ha privato in primis della salute e rivoluzionato il nostro modo di vivere ”

Queste le prime parole della Consigliera Regionale Elena Rosignoli presente stamani al mono blocco degli ospedali Riuniti della Valdichiana dove questa mattina è iniziata la campagna vaccinale. Un momento di grande spessore emotivo, per chi sopratutto è in prima linea nella lotta del corona virus e per quegli operatori, medici infermieri che tutti i giorni entrano in contatto con i pazienti sofferenti senza dimenticare le attenzioni e le cure delle altre patologie. Visibilmente emozionata, Silvia Baldo infermiera Usca la prima a ricevere il vaccino; l’abbiamo incontrata una volta uscita dagli ambulatori cedendo il passo ad altri diciassette operatori in attesa.

Attualmente al mono blocco di Nottola sono 408 i vaccini prenotati dai sanitari –  informa Rosa La Mantia Direttore Presidio Ospedaliero Aziendale – un buon inizio per questa campagna, come lo è stato ieri nell’ospedale di Abbadia Salvatore, auspicando che tutto il personale aderisca all’iniziativa”.