Poggibonsi Basket, Moroni: “Quest’anno nell’aria qualcosa di speciale”

Ieri si è conclusa la seconda settimana di preparazione per i ragazzi di coach Aprile

Poggibonsi Basket, con ieri si è conclusa la seconda settimana di preparazione per i ragazzi di coach Aprile. Attività che si è divisa tra atletica al campo di calcio del Bernino e basket alla palestra Sarrocchi.

Due settimane intense che hanno dato buonissimi segnali alla coppia Aprile-Riccardini che stanno, giorno dopo giorno, gettando le basi per costruire quell’amalgama che serve al raggiungimento di obiettivi importanti.

Questo il commento del playmaker Federico Moroni: ”Dopo due settimane dal raduno posso solo dire di avere sensazioni positive. Il nostro ds e il presidente Pucci si sono impegnati per rinforzare la squadra e questo per noi è stato un grandissimo regalo. Collet e Lazzeri sono due ragazzi giovani con tanta voglia di imparare e di crescere. Due ragazzi seri che fin da subito hanno dimostrato con impegno e dedizione la voglia di entrare a far parte a tutti gli effetti di questo gruppo. Per quanto riguarda Cecca sono contento che sia venuto a giocare a Poggibonsi. Nonostante la sua giovane età Marco ha grande esperienza e credo che averlo in allenamento e poi in partita sarà una grande crescita per entrambe. L’aver costruito un roster così lungo e composto anche da giovani di grande valore, compresi i piccoli under aggregati, ci permette di poterci allenare in maniera intensa e di diventare giorno dopo giorno sempre più competitivi. C’è qualcosa di “speciale” nell’aria quest’anno. Ognuno di noi sente e ha percepito la voglia da parte della società di crescere e questo ci ha dato una grande spinta per sudare ogni giorno in palesta e dare il 200 per cento ogni allenamento. Per fare un esempio su tutti, l’innesto di Riccardini è stato fondamentale.
Un professionista serio, preparato, che lavora molto bene in campo e sicuramente può dare una grande mano a coach Aprile. Questo è il periodo più importante della stagione perchè ora si gettano le basi per la costruzione di una squadra. Questo è un aspetto importante e io da “anziano” del gruppo ne sono davvero convinto. Nasce da qui e dalla voglia di essere squadra il percorso che deve portarci lontano”.