Primo Maggio senza festeggiamenti in piazza a causa del Covid-19

“Ma i lavoratori sono tornati protagonisti” sottolineano i sindacati

“Suscita una fastidiosa sensazione non poter festeggiare liberamente in piazza la Festa dei Lavoratori” – CGIL, CISL e UIL senesi annunciano così, con amarezza, la giornata del Primo Maggio ai tempi del Covid-19.

“Questa è solo una delle conseguenze di una pandemia che ha stravolto tutto e messo l’intero mondo del lavoro in crisi – proseguono i Sindacati – e che probabilmente lascerà strascichi importanti dietro di sé che dovremo affrontare con impegno, lungimiranza e nuove visioni di sviluppo”.

“I lavoratori, in tutte le loro declinazioni, sono tornati protagonisti – sottolineano le Organizzazioni Sindacali – sia nei settori essenziali del socio sanitario, dell’alimentare e della logistica, che in tutti gli altri, compreso il vasto mondo del precariato e delle partite IVA, che hanno subito il blocco delle attività ed il conseguente ricorso alla cassa integrazione e la sospensione dei loro redditi già ridotti. Ma una cosa è certa, senza le lavoratrici e i lavoratori, con la loro testa e le loro braccia, le loro competenze e le loro abilità, l’Italia muore: sono loro, insieme ai pensionati e alle pensionate, la parte sana che sostiene il Paese, lo ricorderemo a proposito della lotta senza quartiere che il governo dovrà fare contro gli evasori ed elusori fiscali”.

“Oggi l’impegno del sindacato, più di sempre, – aggiungono CGIL, CISL e UIL – dovrà essere concentrato nella tutela e parità dei diritti, contrattuali e salariali, dei posti di lavoro e della loro qualità, con un’attenzione particolare alla salute e alla sicurezza. L’occasione che offre questo strano Primo Maggio, nell’impossibilità di essere troppo distratti dal lungo fine settimana, è di coinvolgere i ragazzi con le loro paure di futuri lavoratori ed i nonni fautori di lotte e di conquiste ad una proficua dialettica generazionale che dia continuità e partecipazione a questa determinante celebrazione”.

“Buona Festa dei Lavoratori a tutte e a tutti!” – è l’augurio conclusivo dei Sindacati.

Errebian
All Clean Sanex
Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due