Robur Cosenza 1-3, Guberti: “Una delle più grandi amarezze in carriera. Vorrei restare in una squadra ancora più forte”

Le parole del centrocampista bianconero dopo la sconfitta nella finale playoff di Pescara: “La delusione farà crescere la squadra e i giovani, che rimpianto non aver avuto tutti gli effettivi”

A commentare il ko per 3-1 nella finale playoff di Pescara contro il Cosenza è anche Stefano Guberti: “Abbiamo iniziato pensando di giocarcela – ha detto – sicuri delle nostre qualità, ma loro sono stati più bravi a sfruttare le occasioni. Sono partiti bene approfittando delle nostre disattenzioni e si è faticato. Il primo gol lo potevamo evitare, il secondo a inizio secondo tempo e l’ultimo quando l’avevamo riaperta. Rimane un po’ di rimpianto per non aver affrontato il match con tutta la rosa, ma non deve essere un alibi. Di sicuro è un risultato che farà crescere la squadra e il gruppo, di cui sono orgoglioso:  molti piangevano ma il calcio è questo, da questa sconfitta i giovani impareranno per arrivare in alto. In ogni caso si tratta di una delle più grandi amarezze della mia carriera, non siamo riusciti ad ottenere il risultato che volevamo di più. Vorrei rimanere in questa squadra, magari ulteriormente rinforzata, ma questo dipende solo dalla società e dal suo lavoro”.