Spostamento terminal bus dalla Tiburtina, il Comune si muove per tutelare i pendolari

Lettera all’assessore Meleo e contatti con gli altri Enti penalizzati. Il Comune di Roma aggiusta già il tiro

Ha destato preoccupazione fra i senesi l’intenzione del sindaco di Roma di trasferire il terminal degli autobus extra-urbani dalla Stazione Tiburtina alla Anagnina, molto più periferica e priva di connessioni con altre forme di mobilità della capitale. Una decisione non certo favorevole alle centinaia di pendolari, per motivi di studio, lavoro e turismo, utilizzano i pullman per recarsi a Roma. Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale Bruno Valentini (Pd) ha chiesto lumi su come si muoverà il Comune:

“Non appena abbiamo appreso la notizia – ha risposto il vicesindaco Andrea Corsi – ci siamo subito attivati per tutelare gli interessi dei cittadini senesi e non solo, per questo ho inviato una lettera a Linda Meleo, assessore alla città in movimento di Roma per avere adeguate informazioni in merito”. Meleo che proprio nei giorni scorsi ha aggiustato il tiro annunciando che la nuova stazione sarà sul lato Pietrala, con i bus che passeranno dal piazzale Ovest a quello Est. Nel nodo sulla Tuscolana verranno dirottate solo 5 linee su 18 in base ai flussi.

Nella comunicazione il vicesindaco, pur nel rispetto delle autonomie, in base alle quali ogni città viene amministrata, ha fatto presente le conseguenze negative che la decisione potrebbe innescare nella vita delle migliaia di persone che quotidianamente, da Siena e dalla Toscana meridionale, accedono a Roma. Corsi, nell’offrire la piena collaborazione dell’Amministrazione senese per una possibile intesa, ha chiesto alla collega un’ulteriore riflessione in merito, in modo da salvaguardare le esigenze degli innumerevoli cittadini che per varie necessità usufruiscono del servizio dei pullman per raggiungere la Capitale.

“Ho, inoltre, intrapreso – ha concluso il vicesindaco – una corrispondenza e-mail con gli altri Enti locali i cui cittadini sarebbero penalizzati come noi. E, per quanto concerne i trasporti su ferrovia, dopo molti anni di inerzia l’attuale Amministrazione ha instaurato un rapporto con FF.SS. che ha già portato sul tavolo dei vertici Trenitalia le istanze della nostra città e di tutto il territorio senese”.