Terre di Siena, le eccellenze in mostra alla Bit di Milano

Dal 9 all’11 febbraio alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano: meta turistica ricca di storia e novità con percorsi religiosi e luoghi di contrada

La Borsa Internazionale del Turismo, la vetrina più importante del settore turistico che dal 1980 porta nel capoluogo lombardo operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo è, per l’Ambito Terre di Siena, un’occasione unica per mostrare a migliaia di visitatori che dal 9 all’11 febbraio si recheranno all’importante fiera, l’offerta turistica di un territorio già conosciuto e molto apprezzato. Un’opportunità per presentare la destinazione Terre di Siena in una veste totalmente nuova, svelando segreti, curiosità e leggende che da secoli contraddistinguono questo territorio. Come sottolinea il Responsabile dell’Ambito Terre di Siena Gianluca Pocci: “Terre di Siena sono un territorio ricco di bellezze, storie e tradizioni. Una ricchezza talmente ampia che offre al turista infinite possibilità di scoperta. Ecco perché abbiamo deciso di sviluppare nuovi itinerari che permettano di conoscerlo in un modo nuovo”.

Tra le novità del 2020, le Passeggiate d’autore “Diciassette storie, un’unica storia” il cui filo conduttore saranno le diciassette contrade del Palio di Siena con visite guidate e approfondimenti sui rispettivi territori, musei e oratori. Le Passeggiate d’Autore nascono con lo scopo di offrire al turista la possibilità di andare alla scoperta di una Siena diversa, lontana dai consueti itinerari e più vicina al sentimento, alle emozioni e alla cultura che animano la sua storia.

“Non solo – aggiunge l’assessore al Turismo Alberto Tirelli – quest’anno abbiamo deciso di ampliare l’offerta anche con nove nuovi itinerari a tema religioso con uno storytelling costruito sulle conoscenze, suggestioni letterarie, emozioni, storie e vicende dei Santi e Beati che hanno vissuto o attraversato le Terre di Siena”.Un viaggio che permette di riscoprire luoghi, paesaggi, architetture e città con un percorso di avvicinamento lento che contribuisce ad una diversa percezione degli spazi e dei luoghi attraversati e incontrati lungo il cammino.