A2, Chiusi sconfitta da Eurobasket Roma. Bassi: “Prestazione inaccettabile”

"Dopo le prestazioni delle ultime settimane è impossibile un atteggiamento remissivo come quello visto con Eurobasket" commenta il coach della San Giobbe

Umana San Giobbe Chiusi – Atlante Eurobasket Roma 63-76 (17-25; 18-17; 13-22; 15-12)

Chiusi: Criconia 3, Fratto 2, Musso 1, Biancotto 3, Medford 11, Cavalloro, Carenza, Pollone 11, Wilson 18, Raffaelli 11, Possamai, Ancellotti 3 Capo All. Bassi Primo Ass. Fabrizi

Eurobasket: Signorino, Pavone, Hill 19, Fanti 8, Viglianisi 3, Molinaro 2, Baldasso 13, Schina 4, Davis 13, Pepe 14 Capo All. Pilot Primo Ass. Crosariol

Si ferma a due la striscia vincente di Chiusi che cade in casa contro Eurobasket. Prestazione brutta della formazione senese che già dall’avvio subisce le iniziative degli avversari bravi ad andare in vantaggio e ad amministrare senza grossi problemi il risultato. Roma scappa al termine del primo quarto andando avanti 17-25. La San Giobbe prova ad accorciare ma Eurobasket tampona e mantiene un buon margine anche alla metà della gara. Il più sette di inizio terzo quarto si trasforma in più venti e tocca anche margini più ampi. Chiusi non riesce a stare al passo, complici le bassissime percentuali al tiro e il duello a rimbalzo a favore dei capitolini. Il 13-22 del terzo periodo è la pietra tombale sull’incontro e anche se l’Umana prova il tutto per tutto nel finale, Roma regge bene l’urto e vince con merito 63-76.

Roma ringrazia, vince con merito, legittimando sul finale anche un discreto margine nonostante il tentativo disperato della San Giobbe di tornare a galla. A parlarne il Coach dell’Umana Chiusi Giovanni Bassi. “L’approccio è stato il peggiore possibile, detto questo, faccio i complimenti a Eurobasket per la vittoria e perché ha giocato una partita migliore della nostra sotto tutti i punti di vista. Hanno strameritato il successo. Noi abbiamo iniziato malissimo, non abbiamo rispettato il piano partita, risultando troppo timorosi e impauriti di non so cosa. Quando hai di fronte una partita di questa importanza la devi giocare con un atteggiamento differente. Poi la puoi vincere e la puoi perdere. Il problema non è averla persa, ma non averla giocata. Abbiamo fatto diversi passi indietro rispetto alle due vittorie con Forlì e Ravenna, però noi siamo questi. Saremo tutto l’anno sulle montagne russe. Siamo una squadra che lotta per salvarsi, la posizione in classifica va più che bene se guardo all’aspetto generale. Ma dopo le prestazioni delle ultime settimane è impossibile un atteggiamento remissivo come quello visto con Eurobasket. Faremo mea culpa, ci lavoreremo, però resta una serata molto deludente per quanto mi riguarda”.