Attacco dei lupi all’azienda Sanna. Coldiretti: “Indignati, politica tutela i predatori”

Il duro commento del direttore Simone Solfanelli

Durissimo il commento di Coldiretti dopo la strage delle pecore dell’azienda Sanna a Radi, ad opera dei lupi. 70 i capi persi: “Dire che siamo indignati è dire poco – tuona il direttore Coldiretti Siena, Simone Solfanelli – perché siamo di fronte a una vicenda di una gravità inaudita. I lupi sono entrati dentro a un capannone, minando quindi, oltre al danno enorme compiuto, anche la sicurezza degli uomini che lavorano. Visto che la politica ha scelto di tutelare i lupi e non le pecore, ci aspettiamo però l’indignazione di fronte a un fatto simile, perché ciò che è successo si traduce adesso in una mancanza di garanzie e sicurezza per i lavoratori: il lavoro perso con i capi uccisi chi lo tutela? Di prospettive e di futuro per i giovani che avrebbero portato avanti poi il lavoro nell’azienda. All’alba di questa mattina, i lupi trovati nel capannone avrebbero potuto aggredire anche gli uomini che stavano arrivando per lavorare. E’ per questo che Coldiretti Siena sceglie di prendere una posizione forte: qualsiasi spesa legale dovrà essere affrontata dalla famiglia Sanna, qualsiasi avvocato sarà necessario, le spese saranno sostenute da Coldiretti. Questo deve essere chiaro, un messaggio forte per far capire quanto siamo furiosi con una politica che sceglie gli operai da sostenere e che preferisce tutelare i predatori e non le prede”.

Errebian
Electronic Flare
All Clean Sanex
Estra
Centro Farc
Terre Cablate
Europa Due
Siena Bureau