Bebe Vio: “Vaccini? Io ho parlato direttamente con Rino Rappuoli”

Bebe Vio: “Mi sono informata dagli scienziati sui vaccini”

”Io mi sono informata dagli scienziati, sono andata alla fonte e ho capito che ci si deve fidare dei vaccini”. E’ la campionessa paralimpica Bebe Vio a spiegare le ragioni che l’hanno fatta diventare una paladina delle vaccinazioni, facendosi fotografare mentre veniva immunizzata contro la meningite e schierandosi a favore dei vaccini con veri e propri appelli. La campionessa, proprio mentre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella firmava il decreto per l’introduzione dell’obbligo vaccinale, varato per fare fronte all’abbassamento della copertura vaccinale in Italia e all’emergenza morbillo in Italia, ha spiegato di avere chiesto informazioni sul vaccino contro il meningococco direttamente a Rino Rappuoli, il ricercatore italiano che lo ha messo a punto e che lavora a Siena. ”Se hanno portato i vaccini a essere obbligatori vuol dire che c’era bisogno. Vuol dire che le persone non erano in grado di rendersene conto da sole. Faccio i complimenti al ministro della salute Lorenzin perche’ si sta dando tanto da fare ed e’ una battaglia che sta vincendo”.

‘E’ facile leggere una informazione sul web ma serve chiedere a chi conosce davvero le cose, alle persone giuste” afferma a margine della presentazione del portale OSO su sport e disabilita’ presentato oggi al Coni. ”Ho chiesto se ci fossero controindicazioni, che sono le cose che preoccupano di piu’ le persone, e mi e’ stato risposto che ci puo’ essere solo una piccola reazione nell’immediato ed e’ per questo che si resta una mezz’ora nello studio. Mi hanno spiegato che non esiste relazione con l’autismo, che e’ una malattia di cui non si sa l’origine ma certamente non e’ legata ai vaccini”. Bebe replica anche a quanti ritengono che le vaccinazioni servano a rendere ricche le multinazionali. ”I margini di quadagno sono molto bassi per i vaccini – ha aggiunto – ci si riempie la bocca parlando delle multinazionali, e’ di moda farlo, ma queste guadagnerebbero molto di piu’ per le cure da fare alle persone che si ammalerebbero se i vaccini non esistessero”. Ed infine un pensiero alla sofferenza umana causata da queste malattie evitabili. ”Io racconto sempre di essere felice anche cosi’, ho saputo reagire, ma quello che mi e’ successo ha provocato un dolore grandissimo ai miei genitori. Bisogna pensare che proteggersi aiuta anche ad evitare questa conseguenza. Una sofferenza che nessun genitore vorrebbe mai vivere”.

Estra
Lusini Gas
Electronic Flare
Cotas Radio Taxi
Siena Motori
Europa Due
Siena Bureau
Terre Cablate
Centro Farc
Chianti Banca