Bilanci aziendali truccati e niente tasse: Finanza scopre imprenditore evasore totale

Nel settore della lavorazione del legno in Val d’Orcia

La Guardia di Finanza Siena indagando nel sommerso d’azienda nel settore della lavorazione del legno, grazie all’efficace attività d’intelligence eseguita, ha scoperto nella Val d’Orcia un soggetto “evasore totale” che, oltre a non aver adempiuto agli obblighi di dichiarazione per tutti i settori d’imposta e ad aver omesso la presentazione dei bilanci d’esercizio, ha tenuto in maniera irregolare le scritture contabili obbligatorie.

Le Fiamme Gialle hanno dapprima proceduto a riscontrare le risultanze contabili dell’impresa verificata con i documenti acquisiti dai soggetti economici che hanno posto in essere rapporti commerciali con la stessa, quindi i dati così desunti sono stati incrociati con quelli estrapolati dagli applicativi informatici in uso. L’attività così posta in essere ha consentito di ricostruire il reale volume d’affari della verificata che è risultato ammontare ad oltre 450.000 euro di ricavi non dichiarati per gli anni d’imposta dal 2015 al 2016. Obbligatorie quindi le contestazioni sia amministrative che penali.
E’ stata, altresì, avanzata nei confronti del rappresentante legale dell’impresa, sia la proposta di applicazione di misure cautelari amministrative che penali mediante il ricorso al sequestro preventivo, anche per equivalente, così da garantire l’effettivo ristoro della pretesa erariale.

L’attività ispettiva ha permesso, inoltre, di accertare anche l’utilizzo di un lavoratore impiegato “in nero”, con conseguente applicazione della maxi-sanzione prevista per il lavoro sommerso.

Estra
Electronic Flare
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau