Bini Smaghi alla Cna: “Territorio è la parola cardine”

Territorio, credito, finanza nella tavola rotonda della Cna

Ripresa economica, credito e finanza per le piccole imprese sono state parole più citate nella tavola rotonda organizzata da Cna Siena. Il dibattito è stato frizzante e molto interessante, moderato con grande professionalità da Federica De Sanctis di Sky Tg 24, che non ha mancato di affrontare anche temi di grande attualità e di interesse per le imprese, grazie anche all’autorevolezza dei relatori. Oltre a Fabio Petri era infatti presente il presidente di ChiantiBanca Lorenzo Bini Smaghi, per ben sei anni membro del comitato esecutivo della Bce e Sergio Silvestrini, segretario nazionale della Cna. Chiare le parole del presidente della banca Lorenzo Bini Smaghi, alla sua prima presenza a Siena dopo la nomina: “Territorio – afferma il presidente – è una parola cardine: bisogna conoscerlo, saperne monitorare ed ascoltare meglio degli altri le esigenze, fornendo in tempo reale risposte concrete, con servizi e prodotti specifici che si distinguono da quelli inevitabilmente più “generici” offerti dalle banche non territoriali. Significa anche riuscire a dare credito a chi lo merita, coniugando maggiore flessibilità e, al tempo stesso, maggiore “prevenzione” del rischio”. “Vicinanza al territorio – ammonisce in conclusione Bini Smaghi – non deve invece comportare ‘contiguità’ che, come si è visto in alcuni casi, può spingere a comportamenti inappropriati. Che creano un danno alla banca, ai suoi clienti, al territorio”.

Importanti anche le parole del presidente Cna Siena Fabio Petri: “E’ necessario un cambio di passo e di metodo che riavvicini il sistema del credito alle imprese”, ha esordito il presidente dell’associazione senese, che ha anche la delega per Cna nazionale al credito. “La fase di caduta libera della crisi è terminata, ma senza adeguati strumenti finanziari la ripresa sarà lenta e complicata”, prosegue il massimo dirigente delle imprese senesi, che è stato perentorio anche nei confronti delle istituzioni: “La Regione Toscana deve intervenire per rafforzare l’azione dei consorzi fidi toscani nei confronti delle micro e piccole imprese. E’ necessario un rilancio della Fises, anche per il quadro normativo che prevede l’uscita dei soci dalle società partecipate. Valutiamo anche l’eventuale ingresso nel capitale sociale di banche locali, pronte a sostenere le imprese che investono nel territorio. Abbiamo rivisto il rapporto con il sistema bancario, non più basato solo su convenzioni e plafond dedicato, ma inserendo come partner strategico in tutti i nostri rapporti il Confidi Act nella gestione e nella valutazione del merito creditizio. Così facendo si riducono le distanze tra la concessione del credito e l’impresa, inoltre affianchiamo le aziende in banca con consulenti per far sì che le valutazioni del merito creditizio siano fatte sui progetti aziendali e non solo sul rischio come invece sta avvenendo da tempo. La Cna quindi stimolerà e collaborerà con tutto il sistema bancario del nostro territorio, ma avrà però maggiori attenzioni per quelle banche che hanno progetti di crescita ed attenzione al mondo delle micro e piccole imprese.

Molto puntuali gli interventi nel dibattito del segretario generale della Cna nazionale Sergio Silvestrini: “La stretta creditizia continua a soffocare le imprese e, in particolar modo, le piccole. Tra dicembre 2011 e febbraio 2016 lo stock complessivo del credito erogato alle attività produttive si è ridotto dell’11%, un calo che diventa un crollo (- 20%) per le imprese artigiane. La situazione non è cambiata nemmeno dopo gli interventi della Bce. Questa situazione rende praticamente impossibili alle piccole imprese investimenti e innovazione, imposti dalla competizione globale per crescere”, ha affermato Silvestrini, che poi è passato alla fase propositiva: “Riqualifichiamo il rapporto banche-imprese, con soluzioni alternative di finanziamento. E’ il caso della cosiddetta finanza di prossimità, del crowdfunding, ad esempio. La burocrazia rimane un ostacolo, nonostante gli interventi per semplificare i rapporti tra imprese e Pubblica amministrazione. La pressione fiscale è sempre intollerabile, oltre 19 punti in più della media europea, anche se nell’ultimo anno si è registrata una riduzione”.

Errebian
Estra
Electronic Flare
All Clean Sanex
Terre Cablate
Centro Farc
Europa Due
Siena Bureau