Castellina in Chianti ricorda i 500 anni dalla morte di Leone X, ospite a Palazzo Bianciardi nel 1515

Da domenica 28 novembre al 12 dicembre iniziative per celebrare il legame con il primo Papa Medici

A 500 anni dalla morte di Leone X, primo Papa Medici nella storia della Chiesa scomparso il 1° dicembre 1521, Castellina in Chianti ricorda la figura del pontefice che nel 1515 soggiornò a Palazzo Bianciardi, nel cuore del paese chiantigiano. Le celebrazioni prenderanno il via domenica 28 novembre e andranno avanti fino a domenica 12 dicembre con la possibilità di visitare, su prenotazione, la camera dove dormì Leone X e la collezione privata dedicata all’evento e conservata a Palazzo Bianciardi, oltre a una serie di iniziative che coinvolgeranno scuole, associazioni, strutture ricettive ed esercizi commerciali del territorio. Le celebrazioni sono promosse dall’associazione Amici di Palazzo Bianciardi aps e MAB, Museo Archivio Bianciardi, con il patrocinio del Comune di Castellina in Chianti e la collaborazione del Centro Commerciale Naturale di Castellina in Chianti e la Società Filarmonica di Castellina in Chianti.

Le iniziative dedicate a Leone X si apriranno domenica 28 novembre, alle ore 16, alla Casa dei Progetti, in via delle Mura 30, con la premiazione della scuola vincitrice del concorso “Cinquecentenario della morte di Leone X” rivolto alle scuole secondarie di primo grado, alla presenza dell’assessora alla cultura di Castellina in Chianti, Susanna Viviani. L’iniziativa ha coinvolto gli studenti nell’interpretazione e attualizzazione in chiave moderna della figura di Leone X e degli oggetti e dei simboli tipici della vita di un Papa del Rinascimento, realizzando opere artistiche e installazioni tridimensionali. Le opere degli studenti vincitori saranno esposte, per tutta la durata delle celebrazioni, a Palazzo Bianciardi, nei locali del MAB. Seguirà la lettura del racconto “Il Leone Furioso”, prima di lasciare spazio al convegno dedicato alla figura di Leone X. L’appuntamento, moderato da Gaia Bastreghi Bianciardi, responsabile del progetto MAB e presidente dell’Associazione Amici Palazzo Bianciardi, e da Massimiliano Bellavista, coordinatore tecnico e organizzativo del progetto MAB, vedrà la partecipazione di Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

In occasione delle celebrazioni dedicate a Leone X e delle feste in arrivo, Castellina in Chianti sarà animata anche da altre iniziative. Da venerdì 3 a domenica 5 dicembre, lungo le vie del centro storico sarà possibile degustare ‘fett’unta e olio nuovo’ con la collaborazione dei ristoratori locali; da sabato 4 a mercoledì 8 dicembre, sarà possibile visitare il Museo Archeologico del Chianti senese aperto con orario straordinario e continuato dalle ore 10 alle 16, mentre sabato 11 dicembre, alle ore 19, il Gruppo Fratres Donatori di Sangue propone un’Apericena Solidale al Circolo Italia. A chiudere le celebrazioni per Leone X sarà l’omaggio musicale della Società Filarmonica di Castellina in Chianti, con il concerto di Santa Cecilia in programma domenica 12 dicembre alle ore 18. Dal 28 novembre al 12 dicembre, inoltre, sarà possibile assaggiare piatti e menu rinascimentali in tutti i ristoranti di Castellina in Chianti.

Leone X, al secolo Giovanni di Lorenzo de’ Medici, è stato Papa dal 1513 fino alla sua morte, nel 1521, e soggiornò a Castellina in Chianti con i suoi accompagnatori nel novembre 1515, durante uno spostamento da Roma a Firenze. Ospitato a Palazzo Bianciardi, in segno di gratitudine e a futura memoria di un evento straordinario, lasciò che questo si fregiasse dello stemma mediceo che conserva ancora oggi sulla facciata.