Cenni (PD): proposta di legge per le donne in agricoltura

Ha iniziato il proprio iter parlamentare una proposta di legge - a prima firma dell'onorevole Susanna Cenni - a sostegno del lavoro e dell'imprenditoria femminile nell'agricoltura e nella pesca

La data di pubblicazione è evocativa, l’8 marzo, ma l’incardinamento e l’avvio dell’iter parlamentare in Commissione agricoltura è di questi giorni: è la legge a prima firma di Susanna Cenni, deputata Pd e vicepresidente della Commissione agricoltura alla Camera, a sostegno del lavoro e della imprenditoria femminile nell’agricoltura e nella pesca. La norma, sottoscritta da moltissime deputate Pd, nasce dall’esigenza di promuovere e valorizzare un settore economico in forte crescita ma dove permangono differenze e disparità di genere.

“La norma – spiega l’onorevole Cenni – si pone il problema di conoscere e monitorare, con la creazione di un apposito ufficio dotato di risorse presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, la situazione delle donne nel lavoro e nell’impresa di questo comparto. Inoltre, propone di istituire un Osservatorio con il contributo delle rappresentanze, dei saperi e delle competenze della ricerca e dei servizi alle imprese ed al credito; di istruire misure e interventi utili a favorire il rispetto delle pari opportunità nel lavoro e nell’accesso agli strumenti di sostegno all’impresa femminile; di favorire la nascita di servizi per la conciliazione, per i trasporti, per la sicurezza nelle aree rurali”. Le azioni saranno annualmente previste in un Piano nazionale.

“Si interviene poi – aggiunge la deputata PD – per garantire il rispetto della parità nelle nomine di competenza del Mipaf nei vari enti, nei comitati, nella consulenza; si istituisce la figura del coadiutore anche nella pesca, facendo uscire dalla invisibilità molte donne oggi impegnate nel pescaturismo, nell’ittiturismo, nella vendita del fresco. Si istituisce, infine, un fondo per la promozione di studi sulle donne nell’agricoltura e nella pesca”.

D’altronde anche in questi comparti, il ruolo delle donne è sempre più centrale: secondo i dati Istat, infatti, in Italia il 27% delle donne è impiegato in agricoltura e sono oltre 210mila le aziende agricole “rosa” e 8.500 gli agriturismi gestiti da imprenditrici agricole. Tuttavia, le condizioni di lavoro per le donne, anche nell’agricoltura, sono ancora di gran lunga inferiori a quelle degli uomini. Resistono e permangono disparità salariali e discrepanze nel riconoscimento della professionalità e del lavoro, lacune nel welfare delle aree rurali e, perfino tra le pratiche dello sfruttamento e del caporalato più estremo, le condizioni delle donne braccianti, spesso migranti, sono peggiori di quelle degli uomini, talvolta associate a vere e proprie forme di sopruso anche sessuale.

“Da anni mi occupo di agricoltura – spiega l’onorevole Cenni – prima all’interno del governo regionale della Toscana, poi in Commissione alla Camera e per il PD; la Toscana, tra l’altro, è una terra vocata e votata all’agricoltura, dove l’impegno e il lavoro delle donne è diffuso e fondamentale. Da questa esperienza e dal confronto con le tante donne che ho incontrato in questi anni, è nata la necessità di presentare una proposta di legge come questa. C’è ancora molto da fare, ma è una battaglia che non possiamo più rimandare: la presenza femminile è un valore aggiunto anche in agricoltura e da qui, dalla parità di genere e dall’abbattimento delle discriminazioni, passa lo sviluppo di un settore così strategico per il futuro del Paese”.